di Roger Scruton, 12 APRILE 2019

Adolf Loos, padre fondatore del modernismo architettonico, sosteneva che solo in due delle sue applicazioni l’architettura è un’arte: nel tempio e nella tomba. Perché è solo in queste strutture, costruite per ospitare l’inesistente, che l’architettura sfugge alla sua funzione quotidiana di riparo contro una realtà inospitale. La tomba e il tempio sono apparentemente costruiti come monumenti all’eroe o al dio in essi contenuto. In realtà sono monumenti ai nostri ideali, dando forma e massa a entità puramente mentali.

Tombe, templi e monumenti commemorativi formano il cuore dei nostri antichi insediamenti, segnando le piazze pubbliche, i crocevia e i luoghi di pellegrinaggio. Sono i nodi della rete urbana, e da essi si irradiano le strade, portando il messaggio di appartenenza agli angoli più remoti della città. Ogni città d’Europa è costruita intorno a una chiesa, e gli spazi pubblici sono contrassegnati da monumenti e cappelle, ricordandoci che il luogo ha un significato più durevole delle persone che vi risiedono.

Il ventesimo secolo ha visto l’urbanizzazione di massa in entrambi i nostri continenti. I sobborghi sono cresciuti intorno agli hub esistenti; le città interne decadevano mentre i loro confini si ritiravano; gli edifici si innalzavano in alto sopra le strade distrutte dei vecchi quartieri e le automobili hanno portato aree di devastazione attraverso i centri cittadini. La gente si trasferiva in periferia e nei sobborghi dai campi. Eppure non sono stati creati nuovi luoghi. I sobborghi non erano luoghi, e la città stessa divenne una piattaforma di cemento, sulla quale le scatole di vetro potevano essere spostate avanti e indietro come pezzi su una scacchiera. In un tempo sorprendentemente breve, molti dei luoghi che conoscevamo erano scomparsi e nessun posto era venuto al loro posto.

Le cause di questa tragedia sono complesse e non esiste un rimedio semplice. Viaggiando per l’Inghilterra per esaminare i nuovi edifici che vengono introdotti nelle nostre città o lasciati cadere nei nostri campi, chiedendomi perché sono spesso così brutti e cosa si potrebbe fare per cambiarlo, sono stato colpito dalla differenza fisica tra il vecchio e nuovo. E sono stato ancora più colpito da una differenza metafisica più profonda. I vecchi edifici appartengono ai luoghi che creano; i nuovi edifici tipicamente non appartengono a nessun luogo e creano un nulla ovunque siano costruiti. Fisicamente il centro storico è uno spazio; metafisicamente, invece, è un luogo, un luogo a cui possono appartenere edifici, persone e istituzioni che li uniscono. Ma i nuovi sviluppi sono spazi che rifiutano di essere luoghi, spazi a cui nulla appartiene.

All’inizio, ho pensato che il carattere senza luogo delle abitazioni moderne fosse una questione di stile: i materiali e le proporzioni moderne, la disposizione priva di grammatica di finestre e porte, l’orientamento casuale lungo vicoli ciechi che non uniscono niente a niente. Ma presto divenne chiaro che lo stile non faceva quasi nessuna differenza nell’effetto. I meticolosi bordi in acciaio e vetro alla Mies van der Rohe sono fuori luogo quanto il classico robusto alla Stanford White. Tutti sono fuori luogo perché non c’è posto per essere in . Allora cosa fa un posto? In che modo la peculiare esperienza di appartenenza entra nella coscienza umana, ea quale scopo?

Queste domande mi riportano all’osservazione di Adolf Loos riguardo al tempio e alla tomba. Nel costruire questi memoriali per l’inesistente ci stiamo fissando in uno spazio. I templi e le tombe sono massicci, inamovibili, come se lo spirito in essi contenuto fosse stato fissato per sempre al suolo. Il dio e l’eroe si aggrappano al loro spazio assegnato con tutta la forza dell’immaginazione, e questo ci induce a reimmaginare quello spazio come un luogo da condividere e difendere. In uno spazio che è diventato un luogo non è solo il corpo ma anche l’anima che trova casa. Tanti tentativi recenti di creare un luogo falliscono perché aggirano quelle emozioni fondamentali. Ma come puoi creare un posto per le persone se prima non crei un posto per i loro eroi e i loro dei? Ci sistemiamo invitando i nostri dei ed eroi a stabilirsi accanto a noi.

Quando gli attivisti dell’Antifa si radunano nelle piazze per estrarre le statue dai loro piedistalli e i busti dai loro piedistalli, stanno mandando il messaggio che questo posto non è nostro, che non ci apparteniamo e che vogliamo ricominciare fuori dal comunità che ci ha dato vita. E il risultato dei loro scherzi distruttivi non sarà sicuramente diverso dal risultato di così tanti edifici moderni: la sostituzione di un luogo con il nulla. E sospetto che sia lì che stiamo andando.