Home THE WORLD OF SIR SCRUTON La furia dei modernisti

La furia dei modernisti

298
0

di Roger Scruton , 13 DICEMBRE 2018

In ogni forma d’arte c’è stata una “battaglia di stili”, poiché i vecchi idiomi sono diventati stanchi e ripetitivi e nuovi idiomi hanno cercato spazio nella mischia creativa. Per la maggior parte la battaglia è stata di buon umore, con nuove soluzioni che raccolgono costantemente l’approvazione del pubblico amante dell’arte. Il passaggio di The Rite of Spring da un atto di sfida oltraggiosa a un classico del repertorio sinfonico è un esempio calzante, così come l’ascesa di TS Eliot da fornitore di misteri arcani a poeta laureato non ufficiale del mondo moderno. .

Gli amanti dell’arte hanno per lo più assunto un atteggiamento di mentalità aperta in questa battaglia.

Hanno riconosciuto che quella che sembra una sfida anti-umana può spesso essere una forma più profonda di accettazione, in modo che l’apparente bruttezza potrebbe rivelarsi una vera bellezza a lungo termine.

C’è un’eccezione a questo approccio ecumenico all’arte moderna, e questa è l’architettura, un’eccezione che va al cuore dello status dell’architettura come arte. Fin dai suoi inizi nel Bauhaus, il modernismo architettonico è stato meno un esperimento estetico che una crociata morale, rappresentata dalle polemiche emanate dal Centre Internationale de l’Architecture Moderne (CIAM) negli anni ’20. Coloro che hanno avanzato lo stile “internazionale” sono stati animati tanto dalla repulsione verso il tessuto esistente delle nostre città quanto dall’entusiasmo per i nuovi materiali e per i progetti su larga scala che hanno facilitato. Si riferivano costantemente alla qualità ottusa dei loro avversari, che non erano semplicemente concorrenti nel regno dello stile ma malvagi reazionari, negando i benefici del progresso alla massa dell’umanità.

I modernisti appartenevano, nel complesso, all’ala rivoluzionaria del socialismo contemporaneo, con Hannes Meyer, come direttore del Bauhaus, che prometteva esplicitamente fedeltà alla visione leninista, mentre altri, come l’affascinante Karel Teige a Praga, sostenevano un romantico e poetico comunismo progettato per liberare la gente comune senza controllarli. Le Corbusier a un certo punto tentò di unirsi a questo movimento rivoluzionario ma, trovando uno sponsor più congeniale nel governo di Vichy della Francia in tempo di guerra, si spostò a destra, senza però perdere la mentalità totalitaria che lo univa a Gropius e Meyer .

Questa mentalità totalitaria dovrebbe essere vista nel suo contesto storico. Il modernismo è venuto alla ribalta sulla scia della prima guerra mondiale e della rivoluzione russa, quando massicci spostamenti di popolazioni in città inadatte a riceverle suggerivano che solo una pianificazione su larga scala poteva prevenire il disastro. Il primo dovere del governo era quello di assumere il controllo e di provvedere ai bisogni sociali fondamentali delle persone sull’orlo della fame. Da quel pensiero partirono i grandi progetti abitativi del dopoguerra, e i nuovi materiali, che consentivano di costruire senza i vincoli contenuti nella morente tradizione della costruzione di pali e travi, offrirono quella che all’epoca era considerata l’unica possibile soluzione a un problema sociale in crescita.

Questa soluzione era la tenuta di palazzine di appartamenti a molti piani immerse in uno spazio verde, che prevedeva la costruzione su una scala prima impossibile e la costruzione secondo una pianta dall’alto verso il basso, piuttosto che secondo i gusti dei singoli proprietari di casa . L’estetica modernista internazionale è stata, in larga misura, un effetto di quel modo di costruire, piuttosto che una sua causa. Ma è stato presentato come un’innovazione estetica e l’ispirazione per i nuovi tipi di edifici. Le persone a cui non piaceva – e allora come adesso erano la maggioranza – si riteneva che commettessero lo stesso tipo di crimine estetico di coloro che bandirono Manet dai salotti, o di coloro che si ribellarono alla prima rappresentazione de La sagra della primavera .

A tempo debito un elemento di realismo entrò in gioco, anche se non prima che la “bonifica dei bassifondi” avesse rimosso gran parte del tessuto geniale delle nostre strade cittadine e il grattacielo fosse emerso dalle rovine. I grattacieli, nel complesso, non durano molto più a lungo dell’illusione che le persone vogliano viverci. Entro trent’anni le torri fatiscenti, in piedi in un mare di immondizia, devastato da atti di vandalismo e bande criminali, e con molti dei loro residenti che soffrono di problemi di salute mentale e vivono in uno stato di ansia permanente, vengono solitamente fatti saltare in aria e la loro popolazione ri -alloggiato nella prossima generazione di errori, questa volta edifici relativamente bassi di vassoi di cemento, accatastati accanto a strade su cui sono voltate le spalle: un idioma che può essere incontrato nella sua forma più brutale nella tenuta di Elephant and Castle di Londra, l’opera digli Smithson .

Allo stesso tempo, il messaggio che gli idiomi modernisti si adattano in modo univoco alla nostra epoca è ancora gridato a gran voce nelle scuole di architettura. Potremmo essere passati dai grandi progetti socialisti; ma non siamo passati dall’architettura alla quale hanno dato origine. Le strutture di facciate continue lungo le strade esistenti offrono un modo redditizio per sfruttare le infrastrutture delle nostre città, in modo che l’interesse finanziario nella difesa di questo stile contro tutti i visitatori è diventato una delle cause più importanti nelle riviste di architettura. Le scuole non insegnano più facciate o strade o skyline, ma solo “buste”. L’architettura risultante a bolle di sapone non piace a quasi tutti e gli architetti stessi sono raramente visti vivere nelle vicinanze di ciò che costruiscono,

Tuttavia, rimane sullo sfondo del movimento modernista una sorta di furia, un assalto indignato a tutte le alternative e una prontezza ad accusare gli oppositori di ogni tipo di fallimento morale, politico e intellettuale, e in particolare dello “storicismo” in modo efficace criticata da Teige e altri, e successivamente confusa con ogni sincero tentativo di trattare l’architettura, come dovrebbe essere trattata, come un’arte della composizione.

In un libro recente, Making Dystopia: The Strange Rise and Survival of Architectural Barbarism, l’illustre storico dell’architettura James Stevens Curl va alla radice dello “stile internazionale” sostenuto dai primi modernisti e documenta i suoi effetti psicologici a lungo termine, in modi che non lasciano dubbi sul fatto che l’intera faccenda sia stata un errore, un errore motivato dapprima dall’ideologia, poi dall’avidità. Vale la pena leggere il libro di Curl; ma lo è anche la risposta dell’establishment architettonico, con i revisori che si affollano a vicenda nella competizione per lanciare incantesimi contro questo intruso dal regno della reazione estetica.

La furia sfogata contro Curl è stata di gran lunga superata da quella sfogata contro di me, quando il governo britannico ha annunciato che avrei presieduto una commissione istituita per riesaminare la necessità della bellezza nei nuovi edifici. Si presumeva che mi sarei schierato con le mie preferenze personali contro tutti gli stili rivali, poiché dopotutto questo è ciò che fanno gli uomini di sinistra – vale a dire chiudere tutte le questioni a proprio favore non permettendo alcuna voce contraria.

Quasi ogni nome nel libro del politicamente corretto mi è stato lanciato addosso – islamofobia, razzismo, omofobia, persino antisemitismo – per dissuadere il governo dalla mia nomina. Finora la campagna non ha funzionato. Ma mi ha destato il fatto che la furia dei modernisti non è un’agitazione passeggera, ma parte di ciò che sono. L’odio di cui mi sono ritrovato ad essere il bersaglio è esattamente l’atteggiamento che si incarna in quei palazzi monotoni in cui le classi lavoratrici dovevano essere imprigionate. È presente anche – oserei dire – in quegli acquari lucidi dove i super ricchi soffiano bolle contro il vetro per un anno o due come pesci esotici, prima di citare in giudizio l’architetto che ha progettato la loro costosa prigione. Entrambi i modelli sono profondamente ostili a ciò che conta nella vita umana, che è la capacità di vivere fianco a fianco nella privacy,

Roger Scruton 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi