di Roger Scruton

Per i veri grandi progetti, gli architetti sono necessari e possono prendersi il merito di magnifiche strutture come la Cattedrale di St Paul di Londra e la Moschea Suleymanyie di Istanbul. Tuttavia, la maggior parte degli architetti degli edifici che amiamo rimangono anonimi e coloro che hanno progettato le grandi cattedrali gotiche devono i loro successi tanto alle corporazioni degli scalpellini quanto ai loro piani sorprendenti. Inoltre, di gran lunga il maggior numero di edifici che ammiriamo non aveva alcun architetto. Pensa alle case medievali che compongono le città collinari d’Italia, i grandi caseggiati in pietra di Edimburgo, le backwaters di Venezia, le migliaia di chiese dei villaggi sparsi per l’Europa e quasi ogni altro edificio cucito nel tessuto di quei luoghi che visitiamo perché forniscono l’esperienza rilassante di un profondo insediamento e di una casa condivisa.

Riflettendo su questi argomenti, tempo fa sono giunto alla conclusione che il primo principio dell’architettura è che la maggior parte di noi può farlo. Puoi insegnare musica, poesia e pittura. Ma quello che impari non sarà mai sufficiente a farti diventare un compositore, un poeta o un pittore. C’è quella cosa in più, che i romantici chiamavano “genio”, senza la quale la tecnica non porterà mai a vere e proprie opere d’arte. Nel caso dell’architettura non solo la parte che può essere insegnata è sufficiente in sé, ma anche la convinzione di aver bisogno di qualcos’altro – genio, originalità, creatività, ecc. – è la principale minaccia al vero successo.

La ricerca del genio in architettura è ciò che ha maggiormente contribuito a scucire il nostro tessuto urbano, dandoci quegli edifici dalle forme stravaganti e dai materiali antiestetici che prendono una parte della città e la trasformano in un altro posto, come ha fatto Morphosis con Cooper di New York Square ,  o Zaha Hadid con il Port Authority Building ad Anversa.

Questi edifici che risaltano quando dovrebbero essere inseriti dichiarano il genio dei loro creatori, senza alcuna considerazione per l’offesa subita dal resto di noi. La Cina è ora disseminata di questa roba, e di conseguenza non c’è città in quel paese che abbia la più remota somiglianza con un insediamento.

In risposta si dirà che dobbiamo accogliere le nostre popolazioni in crescita e fare un uso efficiente della terra disponibile per l’edilizia, e come possiamo farlo senza architetti? La confutazione di questo si trova nella casetta da giardino e nella roulotte. Quasi tutti noi siamo in grado di progettare una cosa del genere e di collocarla in un ambiente piacevole e in relazione conciliante con i suoi vicini. Il parcheggio per roulotte di solito raggiunge una densità di popolazione molto maggiore rispetto alla proprietà degli appartamenti a torre e lascia i residenti liberi di abbellire le loro singole proprietà con dettagli gradevoli, vasi di fiori, persino finestre e porte classiche, lungo i bordi delle strade incipienti.

Nella mia esperienza l’illustrazione più toccante di queste verità è fornita dal gecekondu (= costruito in una notte) intorno ad Ankara. Un’antica legge ottomana, ereditata dall’impero bizantino e quindi da Roma, ci dice che, se hai acquistato un pezzo di terra di cui nessuno ha un comprovato diritto di proprietà e se ci costruisci un’abitazione in una notte, puoi assumere un diritto di soggiorno permanente.

Quando Atatürk dichiarò che l’antica città di Ankara fosse la capitale della nuova Turchia, mise al lavoro gli architetti, costruendo blocchi di torri e autostrade moderne in schemi irreggimentati che gelano il cuore e respingono chiunque non sia obbligato dal suo lavoro a risiedervi. Intanto tutt’intorno alla capitale, sulle colline spoglie di cui nessuno aveva diritto di proprietà, sorsero per mano invisibile alcuni degli insediamenti più armoniosi realizzati in epoca moderna: case di uno o due piani, in materiali facilmente maneggiabili come mattone, legno,

Col tempo i residenti li ricoprono di stucco e li dipingono con quei deliziosi blu e ocra turchi; portano elettricità e acqua e illuminano i loro percorsi non con abbaglianti luci al sodio ma con lampadine intermittenti, scintillanti da lontano come galassie radicate. Si uniscono per formare associazioni di beneficenza, in modo da costruire moschee in stile antico e scuole di quartiere accanto a loro.

Questi sobborghi sono i più incontaminati (sotto ogni aspetto) che il mondo moderno abbia prodotto e contengono più residenti per miglio quadrato di qualsiasi banlieux progettato da un architetto intorno a Parigi. E sono prodotti proprio nel modo in cui vengono prodotti i capannoni, da persone che usano la capacità data da Dio di mettere insieme le cose in modo da mettere un tetto sopra la loro testa.

Tratto da: https://www.theamericanconservative.com/urbs/the-threat-of-genius-to-truly-successful-architecture/