I paesaggi noiosi ostacolano il nostro bisogno biologico di intrighi. Allora perché così tanti edifici sono così orribili?

Nel 2007, Whole Foods Market ha costruito uno dei suoi più grandi negozi nel Bowery District di New York City, nel suo leggendario Lower East Side. Il supermercato, che costituisce il fulcro di uno sviluppo più ampio chiamato AvalonBay Communities, e che include un costoso set di appartamenti condominiali, occupa un intero isolato di East Houston Street. Non sorprende che i residenti locali del Lower East Side non abbiano preso lo sviluppo da sdraiato. Per la maggior parte delle persone che vivevano in questa parte di New York, molte delle quali avevano radici che risalivano per molte generazioni agli inizi di immigrati di New York, la dimensione del nuovo negozio, che vendeva merci che pochi di loro potevano facilmente permettersi, era vista come un affronto simbolico ai valori storici e alle tradizioni di questa parte della città.

Quando ho condotto una ricerca sul sito nel 2012, il mio interesse per l’edificio, sebbene forse collegato al tumulto della gentrificazione, era più pedonale, e letteralmente. Durante la mia prima visita al luogo, intrapresa per pianificare una serie di studi psicogeografici, ero principalmente interessato a come questa gigantesca megastruttura, si fosse infiltrata in un quartiere più comunemente popolato di piccoli bar e ristoranti, bodegas, pocket park, parchi giochi e molti altri gli stili abitativi potrebbero influenzare lo stato psicologico del pedone urbano. Cosa succede nella mente di un cittadino che si ritrova in un minuscolo ristorante storico con la pancia piena di deliziosi knish, e poi incontra un intero isolato pieno di nient’altro che marciapiede vuoto sotto i loro piedi, una lunga banca di vetro smerigliato su un lato,

Per scoprire la risposta a questa domanda, ho progettato uno studio in cui i visitatori del vicino sito del museo pop-up del BMW Guggenheim Laboratory sono stati reclutati per fare una passeggiata per la città con me. Durante la passeggiata, progettata con cura per esplorare una serie di contrasti urbani, ho guidato piccoli gruppi da un sito all’altro e in ogni luogo ho fatto loro rispondere alle domande consegnate loro tramite un’applicazione per smartphone. Allo stesso tempo, ho chiesto ai partecipanti al mio studio di indossare piccoli braccialetti che misuravano la loro conduttanza cutanea – una finestra semplice ma affidabile sul livello di eccitazione autonomica di una persona – la loro prontezza, prontezza ad agire, prestare attenzione o rispondere alla minaccia .

Per uno dei siti nello studio, ho utilizzato una posizione a metà strada lungo la lunga facciata vuota di Whole Foods Market. Per una seconda posizione di confronto, ho portato i visitatori in un sito a pochi passi di distanza, di fronte a un piccolo ma vivace mare di ristoranti e negozi con molte porte e finestre aperte, un allegro frastuono di mangiare e bere.

Alcuni dei risultati erano prevedibili. Quando sono stati piantati di fronte al negozio Whole Foods, i miei partecipanti sono rimasti goffamente, cercando qualcosa di interessante a cui aggrapparsi e di cui parlare. Hanno valutato il loro stato emotivo come se fosse dalla parte sbagliata di “felice” e il loro stato di eccitazione era il più vicino al toccare il fondo come ho visto in uno qualsiasi dei siti durante la passeggiata. Gli strumenti fisiologici legati alle loro braccia mostravano uno schema simile. Queste persone erano annoiate e infelici. Quando è stato chiesto di descrivere il sito utilizzando parole e frasi, espressioni come blande , monotone e senza passione sono salite in cima alle classifiche.

Al contrario, le persone che si trovavano nell’altro sito di prova, a meno di un isolato da Whole Foods e ancora sullo stesso lato di Houston Street, si sentivano vivaci e impegnate. Le loro stesse valutazioni dei loro stati di eccitazione e affetto erano alte e positive. I loro livelli fisiologici di eccitazione erano alti. Le parole che balzavano alla loro mente erano cose come misto, vivace, occupato, socializzare e mangiare(e c’erano molte cose in questo luogo!). Anche se questo sito era così affollato di traffico pedonale che i nostri partecipanti sperimentali hanno trovato difficile trovare un posto dove stare in silenzio a riflettere sulle nostre domande, non c’erano dubbi che trovassero questo luogo di loro gradimento su molti livelli. In effetti, abbiamo avuto qualche difficoltà a frenare l’entusiasmo dei partecipanti per quest’ultimo sito. Il nostro protocollo sperimentale, che richiedeva che i partecipanti non parlassero tra loro durante la registrazione delle loro risposte, è andato rapidamente nel dimenticatoio. Molti hanno espresso il desiderio di lasciare il tour e semplicemente unirsi al divertimento del luogo.

I forti effetti comportamentali dell’aspetto semplice e del design di una strada cittadina sono ben noti. Il noto urbanista Jan Gehl ha osservato che le persone camminano più velocemente davanti a facciate vuote; rispetto alla facciata aperta e attiva, è meno probabile che le persone si fermino o addirittura girino la testa in tali luoghi. Semplicemente si piegano e cercano di superare la spiacevole monotonia della strada fino a sbucare dall’altra parte, sperando di trovare qualcosa di più interessante. Lo psicologo Daniel Berlyne ha dato molti contributi allo studio della motivazione umana e animale prima di dedicarsi, nei suoi ultimi anni, all’estetica sperimentale. Questi due campi possono sembrare in contrasto tra loro, ma ciò che li collegava per Berlyne era la sua convinzione che uno degli impulsi primordiali, pari per importanza alla spinta al cibo o al sesso, fosse la necessità di cercare informazioni. Usando una branca della matematica applicata nota come teoria dell’informazione, Berlyne ha sostenuto che gran parte del nostro comportamento è motivato dalla sola curiosità: la necessità di placare la nostra incessante sete di nuovo. È questa esigenza che ci spinge sia a esplorare nuovi luoghi sia a guardare le opere d’arte; è anche il nostro bisogno intrinseco di raccogliere informazioni che determinano, in parte, ciò che ci piace quando lo facciamo.

Pensa a te stesso mentre cammini in una strada come quella che si trova di fronte a Whole Foods a New York. Mentre fai il primo passo, vedi sulla tua destra un muro di vetro smerigliato e sulla tua sinistra la strada trafficata. Fai un altro passo. Non c’è niente di nuovo. Fase tre. Niente cambia. Per un arco di circa 200 passaggi, avresti potuto prevedere ciò che avresti visto in seguito basandosi interamente su ciò che hai appena visto. Nessuna informazione è stata trasmessa e il tuo sistema nervoso è completamente ignaro e disinformato. E non hai nemmeno bisogno di camminare lungo la facciata di Whole Foods per vederlo. Invece, potresti stare dall’altra parte della strada rispetto alla facciata, osservare l’intera cosa in una volta e vedere che è costituita da un’unica lastra monolitica di spazio costruito che è praticamente la stessa ovunque.

Queste costruzioni non funzionano a livello psicologico perché siamo biologicamente disposti a voler essere in luoghi dove c’è una certa complessità, un certo interesse. E questo bisogno è molto più profondo di una semplice preferenza estetica umana per la varietà. L’impulso di sapere è scritto in noi a un livello molto primitivo.

In una recente ricerca condotta dal neuroscienziato cognitivo dell’Università di Waterloo James Danckert in collaborazione con il suo studente Colleen Merrifield, i partecipanti sono stati portati in laboratorio, collegati ad apparecchiature che misuravano la loro frequenza cardiaca e chiesto di guardare alcuni video. I video sono stati attentamente calibrati per suscitare stati emotivi di un tipo o dell’altro. Un video, progettato per suscitare la noia, mostrava due uomini che stendevano il bucato su una corda da bucato. Gli uomini si sono semplicemente scambiati le mollette e hanno appeso i vestiti. Non sorprende che i partecipanti si siano auto-dichiarati annoiati (o talvolta confusi) dal video della lavanderia. La cosa più interessante è che il video ha provocato un aumento della frequenza cardiaca. I partecipanti hanno anche contribuito con campioni di saliva che sono stati successivamente analizzati per la presenza di cortisolo, un importante ormone dello stress i cui livelli nell’organismo segnano l’attività in un sistema cerebrale noto come asse HPA o ipotalamo-ipofisi-surrene. Sorprendentemente, dopo una breve esposizione di tre minuti a un video noioso, i partecipanti hanno mostrato livelli crescenti di cortisolo salivare. Livelli cronicamente elevati di cortisolo sono stati associati a una serie di disturbi legati allo stress umano, tra cui ictus, malattie cardiache e diabete.

La scoperta che anche brevi episodi noiosi possono aumentare i livelli di stress debilitante si adatta bene ad altri recenti suggerimenti secondo cui potrebbe esserci effettivamente una relazione tra la noia e i tassi di mortalità. In un ampio studio a lungo termine condotto nel Regno Unito e iniziato negli anni ’70, ai partecipanti è stato chiesto di completare una serie di questionari, alcuni dei quali chiedevano informazioni sul loro stato di noia con le loro vite e il loro lavoro. Nel lavoro di follow-up completato nel 2010, è stato dimostrato che i partecipanti che avevano riportato livelli più elevati di noia nei test precedenti avevano una probabilità significativamente maggiore di morire prima del secondo studio.

La noia non ci costringe semplicemente a subire spiacevoli stati di irrequietezza o aumento dei livelli di ormoni dello stress corporeo. Può anche portarci ad assumere comportamenti rischiosi. I sondaggi tra coloro che soffrono di dipendenze, comprese sia le dipendenze da sostanze che da gioco, suggeriscono che i livelli di noia sono generalmente più alti in tali gruppi e che gli episodi di noia sono uno dei predittori più comuni di ricaduta o di comportamenti rischiosi come l’uso non sicuro dell’ago o pratiche sessuali.

I risultati di Merrifield e Danckert suggeriscono che anche l’esposizione a un’esperienza noiosa è sufficiente per cambiare il cervello e la chimica del corpo in modo tale da generare stress. Questa scoperta da sola conferisce un certo peso neuroscientifico all’argomento secondo cui i progettisti dell’ambiente costruito hanno motivo di prestare attenzione a fattori che potrebbero contribuire alla noia e che l’influenza della complessità ambientale potrebbe effettivamente influenzare l’organizzazione e la funzione del nostro cervello. Potrebbe sembrare estremo suggerire che un breve incontro con un edificio noioso potrebbe generare seri rischi per la salute, ma che dire degli effetti cumulativi dell’immersione, giorno dopo giorno, nello stesso ambiente opprimente e noioso?

Questa domanda ha a lungo interessato gli psicologi, soprattutto in seguito alla scoperta originale dello psicologo canadese Donald Hebb che i ratti che vivevano in ambienti arricchiti erano esseri intellettuali nettamente superiori rispetto ai topi di laboratorio che vivevano in un ambiente più spartano. I ratti arricchiti di Hebb potrebbero risolvere problemi di labirinto più complicati in tempi più brevi rispetto ai loro compagni di laboratorio meno fortunati. Il lavoro successivo svolto dall’Università della California-Berkeley Mark Rosenzweig ha mostrato che tali ratti arricchiti non erano solo esecutori superiori, ma che avevano anche una neocorteccia più spessa con connessioni sinaptiche più riccamente sviluppate tra le cellule cerebrali. In effetti, questa scoperta è stata la pietra angolare della visione moderna nelle neuroscienze secondo cui il cervello, lungi dall’essere un organo completamente formato e immutabile dall’età adulta, potrebbe mostrare risposte fisiche drammatiche ai cambiamenti ambientali durante tutto l’arco della vita.Un miglior punto di riferimento per gli effetti della deprivazione ambientale sul comportamento umano e sulla funzione cerebrale potrebbe provenire da studi dedicati all’individuazione delle cause dei disturbi umani come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività o ADHD . Qui, studi approfonditi sull’ambiente domestico dei bambini hanno dimostrato che la mancanza di disponibilità di arricchimento nell’ambiente fisico della casa, sotto forma di offerte per il gioco e stimolanti pannelli murali e opere d’arte, è uno dei più forti predittori dei sintomi di ADHD. Questa scoperta si adatta in modo intrigante ai risultati dello studio Merrifield e Danckert perché la firma psicofisiologica della noia che hanno identificato è stata osservata anche nei bambini con diagnosi di ADHD. A questo punto, semplicemente non sappiamo fino a che punto tali effetti potrebbero essere prodotti dall’esposizione quotidiana ad ambienti urbani mal progettati. Ma sulla base di principi ben noti di neuroplasticità e su ciò che è noto degli effetti della privazione e dell’arricchimento, ci sono tutte le ragioni per credere che questi ambienti sterili e omogenei stiano esercitando un effetto misurabile sul nostro comportamento e probabilmente anche sul nostro cervello. Detto questo, la progettazione prudente delle strade e degli edifici della città, tenendo conto dei livelli ottimali di fattori come la complessità visiva, va oltre la semplice idea di promuovere la pedonabilità e quartieri del centro attivi e vivaci. È una questione di salute pubblica, in particolare la salute mentale. Ma sulla base di principi ben compresi di neuroplasticità e su ciò che è noto degli effetti della privazione e dell’arricchimento, ci sono tutte le ragioni per credere che questi ambienti sterili e omogenei stiano esercitando un effetto misurabile sul nostro comportamento, e probabilmente anche sul nostro cervello. Detto questo, la progettazione prudente delle strade e degli edifici della città, tenendo conto dei livelli ottimali di fattori come la complessità visiva, va oltre la semplice idea di promuovere la pedonabilità e quartieri del centro attivi e vivaci. È una questione di salute pubblica, in particolare la salute mentale. Ma sulla base di principi ben compresi di neuroplasticità e su ciò che è noto degli effetti della privazione e dell’arricchimento, ci sono tutte le ragioni per credere che questi ambienti sterili e omogenei stiano esercitando un effetto misurabile sul nostro comportamento, e probabilmente anche sul nostro cervello. Detto questo, la progettazione prudente delle strade e degli edifici della città, tenendo conto dei livelli ottimali di fattori come la complessità visiva, va oltre la semplice idea di promuovere la pedonabilità e quartieri del centro attivi e vivaci. È una questione di salute pubblica, in particolare la salute mentale. la progettazione prudente delle strade e degli edifici della città, tenendo conto dei livelli ottimali di fattori come la complessità visiva, va oltre la semplice idea di promuovere la pedonabilità e quartieri del centro attivi e vivaci. È una questione di salute pubblica, in particolare la salute mentale. la progettazione prudente delle strade e degli edifici della città, tenendo conto dei livelli ottimali di fattori come la complessità visiva, va oltre la semplice idea di promuovere la pedonabilità e quartieri del centro attivi e vivaci. È una questione di salute pubblica, in particolare la salute mentale.

Allora perché si verificano tali ambienti? Perché qualcuno dovrebbe pensare che sia una buona idea costruire un grande edificio senza caratteristiche a livello del suolo? Considerazioni come aspetti economici e riluttanza a includere caratteristiche progettuali che possono essere contrarie alle funzioni di un edificio (potremmo non volere che la banca che speriamo si occupi dei nostri beni si ritragga come parte di un mercato di strada stravagante e vivace piuttosto che come una fortezza tranquilla, minacciosa e impenetrabile) forniscono alcune semplici ragioni per cui le nostre strade urbane potrebbero non colpire sempre il punto debole della complessità. Un altro motivo ha a che fare con un cambiamento radicale nella progettazione architettonica identificato per la prima volta in Robert Venturi in cui interi involucri di edifici diventano segni. Pensa alla facciata di un edificio di una catena aziendale come un ristorante McDonald’s. In tali casi, possiamo facilmente riconoscere il marchio dell’edificio da lontano e ad alta velocità (importante quando si guida un’auto). Molti viaggiatori stanchi o sconvolti dalla cultura (me compreso!) Hanno provato un palpabile senso di sollievo alla vista di un tale edificio storico in un territorio sconosciuto.

La generalizzazione degli ambienti urbani si riferisce anche alla nostra crescente dipendenza dalle tecnologie e dalle informazioni digitali per mediare il nostro rapporto con l’ambiente costruito. Tali tecnologie producono connessione senza prossimità e possono enfatizzare il virtuale a scapito del reale. Per capire cosa questo potrebbe avere a che fare con un noioso paesaggio urbano in centro, basta passare pochi minuti in piedi in qualsiasi angolo di una strada urbana. Il centro dell’attenzione umana si è spostato visibilmente verso il basso sui volti rivolti verso l’alto dei nostri telefoni e sebbene questo nuovo comportamento possa sembrare nient’altro che un semplice cambiamento di postura e sguardo, è quello che ha cambiato il modo in cui usiamo le strade cittadine . Ed è anche sintomatico di un cambiamento più profondo: potremmo non preoccuparci più così tanto dell’aspetto che ci circonda perché non siamo più come eravamo una volta.

Naturalmente, si potrebbe sostenere che un certo grado di noia è salutare. Quando il mondo esterno non riesce a coinvolgere la nostra attenzione, possiamo rivolgerci verso l’interno e concentrarci sui paesaggi interiori e mentali. La noia, a volte è stato sostenuto, ci porta verso la creatività poiché usiamo il nostro ingegno e intelligenza nativi per hackerare ambienti noiosi per creare interesse. Ma i paesaggi stradali e gli edifici progettati per requisiti funzionali generici vanno contro il nostro antico bisogno innato di novità e sensazioni.

Adattato da  Places of the Heart: The Psychogeography of Everyday Life © 2015 di Colin Ellard. Pubblicato da Bellevue Literary Press: www.blpress.org .

Tratto da: https://slate.com/technology/2015/11/psychology-of-boring-architecture-the-damaging-impact-of-big-ugly-buildings-on-mental-health.html

Cover: La lunga facciata vuota del Whole Foods Market su East Houston Street è in realtà sconvolgente, secondo la scienza.