di Roger Scruton

Gli edifici toccano il suolo e il compito di appoggiarsi al suolo, invece di schiacciarlo, mutilarlo o annientarlo, è una parte fondamentale del compito architettonico. Ma gli edifici toccano anche il cielo e così facendo creano uno dei confini più significativi del nostro mondo: lo skyline, che è il confine tra la città e il cielo.

I costruttori tradizionali erano molto rispettosi verso questo confine. I loro edifici erano progettati per incontrare il cielo con gesti allegri, indossando corone decorative, protendendosi verso l’alto con le dita oranti dei minareti o gli aghi interrogativi delle guglie. Talvolta potrebbero essere necessari tronchi smussati di muratura appiattita per scopi militari. Ma non furono mai approvati per l’uso in città, dove ogni edificio aveva bisogno di un cappello che ne mettesse in mostra la natura sociale.

Questo atteggiamento nei confronti dello skyline è uno dei motivi più importanti del fascino delle antiche città d’Europa e del Medio Oriente. Ancora oggi è possibile catturare scorci di questo fascino, ad esempio nello skyline di Gand, così orgoglioso dei suoi mercati e delle sue merci, così intento a celebrare le corporazioni, le congregazioni, le scuole e le università che lanciano i loro cappelli di pietra in aria.

I primi grattacieli di Chicago con i tradizionali “cappelli”. (Pixabay)

Solo da lontano si può osservare un effetto simile nel centro delle città americane, dove vasti blocchi di acciaio e vetro si stagliano a strapiombo sull’orizzonte, con forse qua e là, nei vecchi grattacieli con i loro cappucci di lega, qualche parvenza degli skyline gioiosi del vecchio mondo. E quando i grattacieli, progettati per sembrare giocattoli per bambini o gadget da cucina, vengono introdotti in quelle città del vecchio mondo, il risultato, come a Londra oggi, è una visione straziante di un vecchio volto dignitoso, picchiato dai teppisti.

Il tetto orizzontale era una delle innovazioni di cui i modernisti erano più orgogliosi. Le Corbusier vedeva il tetto piatto di Villa Savoye come una prova della nuova estetica, e il fatto che trapelasse e che l’intera casa sottostante sarebbe presto diventata inabitabile e oggetto di contenzioso, era per lui una questione di indifferenza. . La casa, ci ha detto, è una “macchina per abitarci”. Voleva dire che doveva essere vissuto dalle macchine, non da quelle creature petulanti e assetate di conforto conosciute come umani.

Lo skyline della città vecchia non è stato creato solo da guglie, cupole e minareti. È stato creato soprattutto dalle file di tetti a falde su cui queste aggiunte decorative proiettano le loro ombre accattivanti.

Il tetto spiovente, come la finestra, è stata una di quelle grandi scoperte che qualsiasi bambino avrebbe potuto fare, ma che, come la finestra, ha richiesto una grande quantità di ricerche prima che gli architetti potessero farne a meno. Questa ricerca ha consentito agli architetti di progettare edifici sigillati le cui finestre non possono essere aperte, che richiedono riscaldamento e raffreddamento costanti, e che generalmente cadono a pezzi alle giunture e fuoriescono dal tetto, tutti attributi positivi che richiedono demolizione e ricostruzione ogni 20 o 30 anni.

I tetti spioventi e le finestre, al contrario, producono edifici che durano per sempre e che possono essere costruiti senza il consiglio di un architetto, come a Gand: sono un disastro per la professione e non c’è da meravigliarsi che si faccia ogni sforzo per dimenticare come costruirli.

Il tetto a falde ha un timpano, che si presta alla decorazione. Ha angoli dove possono stare le statue o spuntano i terminali. Porta tegole che creano ombre increspate e molto spesso ha uno stemma in terracotta lungo l’apice, che unisce i due pendii. Può essere perforato dalle finestre della soffitta, con un effetto delizioso, e crea interni interessanti che ricordano ai loro occupanti il ​​cielo sopra. Tutto sommato è un trionfo estetico, tanto più grande per non essere mai stato pensato in quel modo.

Guarda le riviste e i blog di architettura per vedere come sono concepiti i tetti e il tuo cuore affonderà. Come sempre c’è solo una lezione che gli architetti hanno imparato, ovvero che è fondamentale essere originali, soprattutto se la vera conoscenza è di ostacolo.

Tratto da: https://www.theamericanconservative.com/urbs/how-to-build-a-skyline-at-human-scale/