SCRITTO DA
Umut Pekin Timur
Inviato: 25 luglio 2012 Pubblicato: 1 luglio 2013 DOI: 10.5772/55759
Fonte: https://www.intechopen.com/chapters/45422

1. Introduzione

“Le città cercano un lungomare che sia un luogo di pubblica fruizione. Vogliono un lungomare dove ci sia un ampio accesso pubblico visivo e fisico – tutto il giorno, tutto l’anno – sia all’acqua che alla terraferma. Le città vogliono anche un lungomare che serva a più di uno scopo: vogliono che sia un luogo dove lavorare e vivere, oltre che un luogo dove giocare. In altre parole, vogliono un luogo che contribuisca alla qualità della vita in tutti i suoi aspetti: economici, sociali e culturali”.

Remaking the Urban Waterfront, the Urban Land Institute (Seattle Department of Planning and Design, 2012)

L’acqua è una risorsa naturale indispensabile che è rinnovabile, ma limitata. Utilizza gli obiettivi dell’agricoltura, dell’industria, della generazione di energia, della famiglia, dei trasporti, del tempo libero e dell’ambiente. Kılıç (2001) come citato in Hamamcıoğlu (2005), risorse idriche che hanno svolto un ruolo importante nella maggior parte del mondo nel corso della storia nella creazione e formazione degli insediamenti e attraverso la loro acquisizione di identità (Pekin, 2008).

Sairinen & Kumpulainen (2006), waterfront identifica il bordo dell’acqua in città e paesi. Moretti (2007), nelle città preindustriali, le aree del lungomare erano intensamente utilizzate e fiorenti di persone e attività. Inoltre, durante questo periodo, c’era uno stretto rapporto tra il lungomare e le città. Con l’era industriale, questo rapporto si interruppe a causa di alcuni usi, come enormi porti, commerciale, industria, magazzini e trasporti (Pekin, 2008).

Attraverso l’evoluzione della tecnologia di containerizzazione, le attività portuali si sono spostate fuori città. Di conseguenza, gli impianti industriali furono abbandonati e le forme di trasporto cambiate (Wrennet al., 1983).

Anche con la crescente consapevolezza ambientale e come conseguenza della pressione per l’ammodernamento delle aree urbane, i waterfront sono stati riscoperti in città. Così è emerso il fenomeno della rigenerazione del lungomare.

I progetti di riqualificazione del waterfront urbano sono diventati uno strumento efficace per la pianificazione urbana e politica una dimensione internazionale dal 1980 (Sairinen & Kumpulainen, 2006; Goddard, 2002).

Questo capitolo discute il waterfront, il waterfront urbano, le sue fasi di sviluppo, le tipologie di rigenerazione del waterfront urbano, vantaggi e svantaggi delle rigenerazioni del waterfront urbano, il principio di sviluppo sostenibile e di successo per il waterfront e anche casi di studio nel mondo.

2. Definizioni di waterfront e waterfront urbani

La parola che significa “lungomare” passa come “la parte di una città adiacente a un fiume, lago, porto, ecc.” nell’Oxford American Dictionary of Current English in English Dictionaries and Thesauruses ( Dong, 2004 ).

Moretti (2008), la parola “lungomare” significa “l’area urbana a diretto contatto con l’acqua”. Secondo l’autore, le aree di waterfront sono solitamente occupate da infrastrutture portuali e attività portuali. Yasinet al.(2010) hanno indicato che il waterfront è generalmente definito come l’area di interazione tra lo sviluppo urbano e l’acqua. Hou (2009), ha descritto l’area del lungomare come l’area di confluenza di acqua e terra.

Sebbene il vocabolo di waterfront sia chiaro, è stato anche incontrato utilizzando alcune parole diverse invece del termine waterfront in letteratura. Hoyle (2002), Hussein (2006); Mann (1973), Tunbridge e Ashworh, (1992), Vallentine (1991) e Watson (1986), queste parole sono un porto cittadino, una riva del porto, una riva del fiume, una riva del fiume, una riva del fiume e una riva del fiume ( Dong, 2004 ; Yassinet al.,2012).

Breen e Rigby (1994 ), Sairinen e Kumpulainen (2006) e Morena (2012) implicano la stessa cosa con waterfront e waterfront urbano. Secondo questi, il waterfront identifica il bordo dell’acqua in città e paesi o aree urbane di tutte le dimensioni. Il corpo idrico può essere “un fiume, un lago, un oceano, una baia, un torrente o un canale” o (ad esempio in Shaziman et al., 2010) artificiale.

3. Gli effetti dell’acqua come elemento urbanistico in ambito urbano

Si stabilisce l’equilibrio tra natura e vita sociale per uno sviluppo sostenibile delle città. Gli elementi idrici naturali urbani svolgono un ruolo importante nella creazione di questo equilibrio. L’acqua è l’elemento progettuale più importante che rappresenta il benessere fisico e psicologico dell’uomo. Inoltre, apporta all’ambiente esistente una serie di caratteristiche in termini estetici e funzionali ( Figura 1) (Önen, 2007).

Uno dei motivi dell’importanza della fonte d’acqua naturale nell’area urbana sono gli effetti estetici che crea sull’uomo. Questi effetti sono effetti visivi, uditivi, tattili e psicologici.

Il potere principale delle persone attratte sui lungomare è l’effetto visivo del paesaggio dell’acqua sul relax. In tutto, i disegni legati all’acqua prendono il sopravvento sui fattori di movimento e serenità.

L’acqua in movimento ( Figura 2a) (cascata, cascate di fiumi e così via) aggiunge vivacità ed eccitazione a uno spazio. L’acqua stagnante ( figura 2b) crea l’effetto specchio nel suo spazio visivo (Önen, 2007).

Aksulu (2001), l’acqua è usata comunemente come elemento riflettente per via delle proprietà ottiche. Ampie e tranquille superfici d’acqua portano serenità e profondità al suo ambiente o spazio. Oltre all’effetto di profondità dell’acqua, dà una sensazione di maggiore ampiezza nella zona giorno. Inoltre, su questa superficie si formano vari giochi di luce (Hattapoğlu, 2004).

Figura 1.Adattato da Önen (2007), gli effetti dell’acqua come elemento di pianificazione nell’area urbana 

Figura 2.a) L’effetto specchio dell’acqua, (b) L’effetto di vibrazione dell’acqua in movimento (Önen, 2007). 

Aksulu (2001), il suono dell’acqua come uditivo, un simbolo è in uno stato che esibisce continuità di vita mentre dà vivacità e gioia (Hattapoğlu, 2004). L’acqua stagnante come uditivo crea un senso di serenità mentre l’acqua in movimento aggiunge vivacità a uno spazio e crea anche effetti musicali (Önen, 2007).

Perché gli effetti tattili dell’acqua nella pianificazione variano dalla pioggia che cade sul nostro viso, bagnandosi con gli spruzzi d’acqua della cascata fino all’essere completamente sommersi in piscina, lago o mare. Immergersi in acqua è una sorta di fuga dal mondo. Il contatto con l’acqua è un simbolo che raggiunge la serenità religiosa per molti sistemi di credenze (Hattapoğlu, 2004).

È possibile che un effetto importante degli effetti estetici sia psicologico. Infatti, questi effetti sono il risultato emotivo che viene percepito con i sensi. Inoltre, ci sono anche reazioni psicologiche nei confronti dell’acqua che proviene dagli spiriti delle persone. L’essere umano tende psicologicamente all’acqua come elemento che fornisce la continuità della vita. Il suono e la freschezza dell’acqua rilassano le persone (Önen, 2007).

L’acqua nelle aree urbane è effetti estetici oltre che effetti funzionali. Questi sono il comfort climatico, il controllo del rumore, gli effetti sulla circolazione e gli scopi ricreativi.

Le superfici d’acqua raffreddano l’aria aumentando la quantità di umidità in un ambiente. Soprattutto con il clima continentale, questa è una grande importanza. Inoltre, l’acqua viene utilizzata per rinfrescare l’aria all’aperto. Ampie superfici d’acqua su scala regionale regolano la temperatura dell’aria nelle aree circostanti (Önen, 2007). L’elemento acqua è importante nelle aree urbane in cui si trova in queste regioni, a causa dei suoi effetti visivi e climatici ( Gençtürk 2006 ).

Inoltre, le aree acquatiche negli spazi urbani sono costituite da una barriera ai suoni artificiali che crea i suoni naturali (Önen, 2007).

Eckbo (1950), l’acqua è nell’organizzazione dello spazio come elemento limitante e dissimulatore. Perché la persona deve camminare nella giusta direzione ( Gençtürk 2006 ). È possibile vedere principalmente questo effetto sulle rive del fiume.

Figura 3.Moore, Lidz (1994), schema urbano di Manhattan, Filadelfia, Pittsburg e Pechino (Hattapoğlu, 2004) 

I fiumi hanno assunto un compito di spina dorsale che è la creazione di città e nella formazione di strade, parchi e altri spazi urbani sono diventati fattori importanti. Ad esempio, ( Figura 3) a Manhattan, Pittsburg, Filadelfia e Pechino (Hattapoğlu, 2004).

L’uso ricreativo dell’elemento acqua è troppo vario. Le superfici d’acqua naturali e artificiali e i suoi dintorni possono servire a molti usi ricreativi ( Figura 4) , come il nuoto, la pesca, il giro in barca, l’intrattenimento, le passeggiate, ecc.

Figura 4.Usi ricreativi (a) (http://www.aerialarts.com/db_B_ton_Pier_Night1.jpg), Brighton Pier, (b) (www.thelances.co.uk/SA/CT12.jpg) Victoria and Alfred Waterfront (Andino, 2011)

4. Categorie di waterfront urbani

Secondo Wren et al. (1983), i waterfront urbani sono stati distinti in cinque categorie per la localizzazione con acqua. Spiegato di seguito, le prime due linee simboleggiano le città costiere e le ultime tre linee simboleggiano quelle interne ( Al Ansari, 2009 ).

  1. Area urbana situata sulla penisola,
  2. Area urbana situata su una baia,
  3. Area urbana situata sulle rive di un fiume,
  4. Area urbana situata sulle rive dei fiumi che si intersecano,
  5. Area urbana situata su un grande specchio d’acqua.

Wren et al. (1983), indipendentemente da tale separazione, la forma del litorale è una grande influenza su come la posizione della città in riferimento all’acqua influisce sui collegamenti città-acqua. Le città che si trovano su penisole, promontori o piccole isole beneficiano di lungofiume più lunghi a breve distanza dal centro città. Lo stesso si potrebbe dire delle città situate sulle rive di fiumi, estuari e delta che si intersecano. Hanno molti lungofiume, il che aumenta la possibilità che gli spazi pubblici siano situati sul lungomare e anche che questi siano collegati ad altri spazi pubblici dell’entroterra ( Al Ansari 2009 ).

5. Caratteristiche dei waterfront urbani

Akköse (2007 ), tre fattori sono più importanti nella formazione delle città. La prima è la struttura naturale della città, la seconda è la struttura fisica della città e l’altra è la struttura sociale della città. Questi tre fattori costituiscono il sistema della città in interazione tra loro. Nella struttura naturale della città, l’elemento acqua di presenza o assenza influenza il processo e l’immagine della città. Le risorse idriche come il mare, il fiume o il lago sono un valore aggiunto in diversi modi. Secondo Dong (2004 ), Yassin et al. (2010) e Seattle Department of Planning and Design (2012), alcune caratteristiche del lungomare sono rappresentate di seguito:

  • È diventata un’area urbanizzata, un territorio importante,
  • Acqua e terra sono i due elementi essenziali del lungomare, quindi quest’area presenta caratteristiche acquatiche e terrestri,
  • L'”acqua” può essere un fiume, un lago o un mare,
  • Ha confini spaziali incerti e dimensioni che cambiano da luogo a luogo,
  • L’area del lungomare può essere un’area portuale storica o un’area urbana per altri usi vicino all’acqua,
  • Una struttura essenziale di usi del suolo misti caratterizza quest’area essenziale della città,
  • Fornisce opportunità di interazione tra l’insediamento umano e la natura e l’acqua,
  • In quanto ambiente di confine, è un luogo dinamico che cambia carattere biologico, chimico e geologico,
  • È un’area speciale per essere ecosistemi produttivi e biologicamente diversi,
  • È un’area naturale di difesa da inondazioni, erosione con copertura vegetale,
  • L’area del lungomare è un moderatore dell’inquinamento.

6. Sviluppo del lungomare

Dong (2004 ), ha indicato che il significato dello sviluppo del waterfornt ha differenti in termini di comprensioni. Inoltre ha sottolineato che il contenuto dello sviluppo del waterfront varia notevolmente rispetto alle caratteristiche dei siti e delle città. Ad esempio, in Giappone lo sviluppo del lungomare urbano è uno dei tre concetti di sviluppo correlati all’acqua. La sua posizione è tra la riva e lo sviluppo costiero. Inoltre, questi livelli di sviluppo sono emersi in campi diversi. Qui, lo sviluppo del lungomare viene valutato nel campo della pianificazione urbana.

Secondo Morena (2011), “lo sviluppo del waterfront urbano è ampiamente considerato come una frontiera dello sviluppo urbano contemporaneo, attraendo investimenti e pubblicità. Sydney, Londra, Amsterdam, Hong Kong, Tokyo, Toronto, Osaka, Kobe e Dublino sono esempi di città sviluppate attraverso il processo di sviluppo del waterfront”.

Yassin et al. (2012), definito idealmente come “uno sviluppo che si affaccia direttamente sull’acqua per qualsiasi scopo e le componenti idriche possono includere il delta del fiume, le pianure costiere, le zone umide, le spiagge e le dune, la laguna e altri giochi d’acqua”. Inoltre, il confine del punto in cui l’acqua e la terra si incontrano è difficile da determinare e questo confine di solito differisce dalle leggi e dall’amministrazione dei paesi.

Wrenn (1983), lo sviluppo del lungomare ha stimolato lo sviluppo moderno nelle città. Pertanto, è importante comprendere la pietra miliare storica dello sviluppo del litorale (Yassin et al., 2010). Questo argomento è stato spiegato nel seguente argomento.

7.Modello tipico di sviluppo del litorale

Nel corso della storia, i waterfront sono l’area di vita più ideale per l’essere umano in grado di fornire cibo, insediamento, riproduzione, difesa e apprendimento ecc. Uruk, Erudu, Ur e Babilonia sono esempi di primi insediamenti risalenti a circa 6000 anni fa (Hamamcıoğlu, 2005; Morena 2011). Al giorno d’oggi, le numerose città o paesi in Cina, Inghilterra, Italia e America possono essere citate come esempi di insediamento sul lungomare (Zhang, 2002).

I waterfront urbani sono stati storicamente il fulcro dei trasporti, del commercio e del commercio (Letourneur, 1993). Rafferty e Holst (2004), sono sempre collegati con vicino attraverso il riflettere immediatamente qualsiasi cambiamento nell’ambiente sociale, economico, industriale. Storicamente, i waterfront non sono stati pianificati con attenzione e coerenza. La crescita era stata incessante e di conseguenza sconnessa, sintesi di numerose iniziative, attività e decisioni dell’autorità politica. Pertanto, ogni lungomare urbano ha la sua storia speciale ( Akköse, 2007 ).

Figura 5.

Adattato da Wrenn et al. (1983), schema tipico delle fasi di sviluppo del waterfront

 

Wren et al. (1983), ha indicato l’evoluzione storica del waterfront in quattro periodi ( Figura 5) . Questi sono spiegati brevemente come segue:

8. Nascita delle città sul lungomare

I primi insediamenti americani, il lungomare e la città erano direttamente in contatto. Le acque svolgono un ruolo essenziale per l’attività commerciale e il trasporto dell’acqua. Furono stabiliti insediamenti e arrivarono colonie di immigrati europei. Il movimento della produzione e delle persone è assicurato tra i due continenti via mare. Il lungomare di un insediamento serviva a collegare le necessità dell’Europa con un ambiente familiare e prevedibile (Zhang, 2002; Akköse, 2007 ; Yassin et al., 2010).

Questi insediamenti sono stati stabiliti intorno a un porto con approdo sicuro adatto a navi da carico e passeggeri ( Figura 6) . In questo momento, il lungomare ha solo pochi sentieri che convergono in un molo. Successivamente, è stato installato lentamente un modello stradale. In questo periodo veniva solitamente allestito un molo di legno più grande per la nave. Inoltre, gli edifici iniziarono a svilupparsi sul modello stradale. Nonostante la rapida crescita e sviluppo, l’insediamento è ancora collegato al lungomare tramite una strada litoranea ( Akköse, 2007 ; Wrenn et al., 1983).

Figura 6.

Modello tipico di sviluppo del lungomare (Fase 1) (Seattle Department of Planning and Design, 2012)

 

9. Crescita dei Waterfront

Il primo periodo dei porti si è riconvertito contenendo molte funzioni portuali con incremento delle attività economiche. In questo momento, l’insediamento divenne una città e il commercio marittimo stimolò lo sviluppo urbano ( Figura 7). La strada costiera si è trasformata in una strada trafficata che fornisce servizi, forniture e uffici per attività commerciali. I lungomare divennero uno stato più importante e il commercio aumentò con l’uso delle navi a vapore. I magazzini furono costruiti lungo il lungomare e queste file di magazzini bloccavano il bordo dell’acqua dalla strada. Inoltre, nel periodo precedente l’uso dei moli in legno è stato sostituito da banchine più grandi in pietra e materiale di riempimento. Compilando in acqua per espandere le strutture di attracco e stoccaggio. Il rapido sviluppo dei waterfront come struttura portuale ha portato alla formazione di un’autorità portuale per la gestione delle attività portuali ( Akköse, 2007 ; Wrenn et al., 1983).

In questo periodo, la ferrovia fu introdotta come nuova modalità di trasporto. Ciò ha richiesto uno spazio dal lungomare ai moli di servizio e all’installazione dei binari. Come risultato di questo cambiamento, di fatto separò il centro città dal lungomare. Inoltre, il lungomare è diventato sempre più congestionato. Dagli anni ’30, lungo il litorale sono state costruite autostrade sopraelevate e autostrade interstatali per ridurre questa congestione. Uffici e negozi lungo la vecchia strada litoranea sono stati convertiti in magazzini (Wrenn et al., 1983; Zhang, 2002).

Figura 7.

Modello tipico di sviluppo del lungomare (fase due) (Seattle Department of Planning and Design, 2012)

 

In questo momento, i trasporti e l’industria diventano l’unico uso del lungomare. Inoltre, nel periodo precedente il contatto diretto con l’acqua si è perso poiché la costruzione di magazzini, ferrovie e autostrade crea una barriera all’accesso del pubblico. Nel frattempo, l’ambiente del lungomare si è deteriorato a causa dell’inquinamento industriale. L’acqua si è sporcata e il lungomare ha cominciato a perdere la sua naturale attrattiva per molti residenti urbani. (Wrenn et al., 1983; Letourneur, 1993).

10. Degrado dei Waterfront

Rafferty e Holst (2004), fino alla seconda guerra mondiale, le attività di carico-scarico delle navi si svolgevano nel tempo in aree portuali ( Figura 8) . Dopo la guerra, la quantità di carico e la velocità del carico-scarico sono aumentate con lo sviluppo della tecnologia di containerizzazione ( Akköse, 2007 ).

Figura 8.Modello tipico di sviluppo del lungomare (fase tre) (Seattle Department of Planning and Design, 2012) 

Zhang (2002), le vecchie aree portuali erano troppo ristrette per consentire alle moderne navi portacontainer e attrezzature di manovrare facilmente, anche Rafferty e Holst (2004), come citato in Akköse (2007 ) la profondità dell’acqua non era sufficiente per avvicinarsi alle navi. Millspaugh (2001), dopo la seconda guerra mondiale, a seguito degli sviluppi nell’industria marittima, le crescenti attività portuali iniziarono ad aver bisogno di nuove aree ( Akköse, 2007). Così le attività portuali si spostarono fuori città. Così, i vecchi porti persero il ruolo di centro dei trasporti e dell’industria. Con la costruzione delle autostrade cambiarono in gran parte i modelli di trasporto e questo contribuì all’abbandono delle aree del lungomare. Inoltre, le persone preferivano le autostrade alle ferrovie per la loro libertà di scelta. A causa del minor numero di persone che hanno scelto la ferrovia, il lungomare si è persino deteriorato (Zhang, 2002).

Oltre a questi cambiamenti, il crescente interesse pubblico per l’inquinamento ha contribuito alla scomparsa dei waterfront. Con l’introduzione di controlli più severi sull’inquinamento dell’aria e dell’acqua, i produttori hanno iniziato a lasciare la città. Di conseguenza, molti porti caddero in disuso. Inoltre, le ferrovie hanno sofferto a causa del declino degli impianti di produzione e del disinvestimento. Gli scali ferroviari sul lungomare sono stati trascurati. Il lungomare è diventato virtualmente un’area deserta, inaccessibile e non sicura, separando ulteriormente il nucleo urbano dall’acqua (Zhang, 2002; Wrenn et al., 1983).

11.Riscoperta dei waterfront

Nelle aree del lungomare dei vecchi porti abbandonati si presentavano diversi problemi. Il primo di questi è stato causato dall’inquinamento del porto e delle attività industriali. Il secondo problema dovrebbe essere l’infrastruttura obsoleta delle aree industriali che è circondata da magazzini abbandonati e altre strutture portuali. Inoltre, la ferrovia e l’autostrada hanno interrotto il collegamento tra il centro urbano e l’area del lungomare e hanno anche impedito l’interazione reciproca ( Akköse, 2007). Inoltre, negli anni ’60, le persone sono diventate più preoccupate per la salute dell’ambiente urbano e per l’uso improprio delle risorse naturali. La gente del posto voleva recuperare lo scenario estetico del lungomare che era stato trascurato per anni. Di conseguenza, il fallimento commerciale del porto ha causato la rievoluzione del lungomare da parte di imprenditori privati ​​e amministrazioni cittadine (Zhang, 2002). Quindi, Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, NOAA e OCZM (1980), fu in questo momento che esisteva un’opportunità per l’uso pubblico e fu sviluppato un mix di usi ricreativi, residenziali e commerciali ( Figura 9) . L’intima connessione perduta è stata ripristinata tra la città e il suo lungomare. Nel frattempo, un nuovo porto per rispondere alle nuove tecnologie è stato istituito al di fuori della città dove lo spazio era abbondante (Wrenn et al., 1983; Letourneur, 1993).

Figura 9.

Modello tipico di sviluppo del lungomare (fase quattro) (Seattle Department of Planning and Design, 2012)

I waterfront variano a seconda di molti fattori correlati. Questi sono la storia e le dimensioni di una città, la sua posizione, la struttura del territorio e il clima, la diversità degli usi legati all’acqua e lo stato di gestione della città. Per questo motivo, ogni waterfront può rappresentare una variazione nel tipico modello di evoluzione del waterfront. Ma, un fatto è comune, i waterfront urbani sono radicalmente cambiati a causa dell’influenza di fattori sociali e tecnologici. Infine, molta più area è stata riconquistata all’uso e all’accesso pubblico (Wrenn et al., 1983; Zhang, 2002).

12. Riqualificazione del waterfront urbano

Con la riscoperta dei waterfront urbani, Sairinen e Kumpulainen (2006), come citato in Pekin (2008) sono state emanate nuove leggi per governare i cambiamenti strutturali in essi e per questo sono stati sviluppati nuovi metodi di pianificazione.

Poiché la maggior parte dei progetti di sviluppo del waterfront sorgono nel contesto più ampio del rinnovamento urbano, per questi progetti vengono utilizzate numerose altre espressioni simili a questa frase. Ma la maggior parte di questi progetti si concentra sulla funzione rigenerativa. Tali espressioni includono “rigenerazione del lungomare” (ad esempio in Wood e Handley, 1999; McCarthy 1996), “rivitalizzazione del lungomare” (ad esempio in Goodwin, 1999; Hoyle, 2001), “riabilitazione del lungomare” (ad esempio in Hoyle & Pinder, 1981: 83 ), e “riqualificazione del lungomare” (es. in Gospodini, 2001; Gordon 1999) ( Dong, 2004 ). Inoltre, i termini utilizzati nel loro sviluppo possono variare a seconda del confine dello studio e del dominio regionale (Koca, 2011).

L’interesse per il fenomeno della rigenerazione del lungomare è emerso dal Nord America a metà degli anni ’60, con la riabilitazione dell’Inner Harbor di Baltimora ( Figura 10) , un progetto che ha trasformato la zona portuale degradata in un centro ricreativo urbano (Papatheochari, 2011; Al Ansari, 2009 ; Goddard, 2002; Tastsoglou & Dimitra, 2012). Breen & Rigby (1996), Hoyle (2001a), Shaw (2001), questo fenomeno è caratterizzato come una sindrome di Baltimora, è ancora in pieno svolgimento ( Al Ansari, 2009 ).

Molti fattori sono considerati più come le fonti del fenomeno, tranne quelli menzionati in precedenza. Ma i due più essenziali sono Connors (1986), Meyer (1999), Norcliffe et al. (1996), Tunbridge (1988), la transizione economica dalla base di servizi industriale a quella postindustriale e Clrake (1972), Cohen et al. (1997), Pinder e Witherick (1993), Vitousek et al. (1997), l’alta concentrazione di popolazione in località rivierasche (nelle zone fluviali, lacustri, estuari e costiere) ( Al Ansari, 2009 ).

Tunbridge (1988), ha osservato che ha indotto una generale rivitalizzazione delle città portuali statunitensi sulla base di diversi fattori tra cui il cambiamento demografico, la disponibilità di immobili residenziali a basso costo, l’aumento della consapevolezza del patrimonio, l’aumento della consapevolezza della qualità della vita, il desiderio di vivere più vicino al lavoro e la crescente importanza del turismo urbano (Jones, 1998).

Anche Jones (1998), ha indicato che il movimento del waterfront negli Stati Uniti è attribuito ad alcuni dei fattori che hanno coinvolto quanto segue:

La crescente quantità di tempo libero e la necessità di più aree ricreative,

La necessità di conservare il patrimonio storico e architettonico, per il ritrovamento di vecchie aree portuali dei primi porti americani,

Secondo Breen & Rigby (1998), il governo federale degli Stati Uniti sostiene attraverso sovvenzioni per azioni di rigenerazione urbana e altri incentivi fiscali per lo sviluppo.

“Tunbridge (1988) e Malone (1996) hanno sottolineato che il movimento fornisce un filo conduttore parallelo al processo complessivo di rigenerazione urbana. Inoltre, Wood (1965) ha suggerito che i waterfront sono naturalmente inclini al rinnovamento e alla rigenerazione perché di solito si trovano nelle parti più antiche della città” ( Al Ansari, 2009 ).

Secondo Shaw (2001) il lavoro teorico relativo ha sempre seguito la parte pratica del processo. Hoyle & Pinder (1992), Hoyle et al. (1988b), ha spiegato che la maggior parte della ricerca in materia ha iniziato ad accumularsi in Nord America negli anni ’70 e in Europa negli anni ’80 ( Al Ansari, 2009 ).

Figura 10.a) Anni ’60 a Baltimore Inner Harbor (Kilduffs Baltimore’s Harbour, 2013), (b) Oggi (Anonimo, 2013un)

 

I primi esempi di riqualificazione del waterfront sono arrivati ​​negli anni ’70 dalle città del Nord America (Papatheochari, 2011). Nel caso in cui le sue applicazioni si siano diffuse negli anni ’80 in là (Jones, 1998; Goddard, 2002). In generale, la rigenerazione del lungomare variava per interventi urbani e politici dei paesi. Ad esempio, in Nord America Hoyle (2000), il waterfront è considerato parte del processo di rinnovamento urbano in Nord America, mentre Hoyle (2000), (2001a), Tunbridge (1988) in Europa, è considerato un mero effetto collaterale dei cambiamenti nel trasporto marittimo, tuttavia, nel Regno Unito, è parte integrante della rigenerazione urbana post-industriale.

La rigenerazione del lungomare americano è costituita da usi misti tra cui strutture residenziali, ricreative, commerciali, commerciali, di servizio e turistiche. Gli usi principalmente residenziali, ricreativi e turistici erano spesso predominanti rispetto agli altri in questo modello. Anche questo è diventato in gran parte il tipico modello di sviluppo all’interno degli Stati Uniti. e questo modello è stato ampiamente accettato da altri paesi. L’esperienza della rigenerazione del lungomare americano, in particolare la rigenerazione del porto interno di Baltimora, ha influenzato molti in Europa (dalla Scandinavia, Regno Unito e Paesi Bassi alla Spagna e tutta l’Europa meridionale) e in tutto il mondo (Australia, Giappone, America Latina, Medio Oriente e Sud Africa (Papatheochari , 2011; Jones, 1998).

Ente per il turismo inglese (1988), Hoyle et al. (1988), ha indicato che gli esempi più influenti dei progetti di rigenerazione del lungomare degli Stati Uniti nel mondo sono The Inner Harbor Baltimore, Quincy Market Boston, The Pierhead Building New York, il villaggio sul lungomare di San Diego, Giradelli Square e Pier 63 San Francisco (Jones, 1998 ).

Per Jones (1998), “dalla metà degli anni ’80 il vocabolario della rigenerazione del lungomare urbano è stato chiaramente stabilito nelle menti degli sviluppatori, delle autorità locali e dei dipartimenti del governo nazionale”.

Inoltre, la rigenerazione del lungomare è vista come un catalizzatore standard della rigenerazione dell’area interna per qualsiasi città o paese nella metà degli anni 1980-1990 (Goddard, 2002).

Il diffuso riconoscimento del fenomeno e della sua importanza ha portato alla nascita di centri di ricerca, quali The Waterfront Center – Washington DC (1981), Association Internationale Villes & Ports – Le Havre (1988), The International Center Cities on Water – Venice ( 1989). Scopo di questi valorizzare gli studi e le ricerche scientifiche sulle fasi progettuali e progettuali necessarie per un efficace sviluppo dell’area del waterfront. Secondo Waterfront Expo (2004) si stima che tra il 2004 e il 2009 verranno spesi 55 miliardi di sterline per progetti sul lungomare ( Al Ansari, 2009 ; Giovinazzi & Giovinazzi, 2008 ).

Di conseguenza, questo fenomeno, iniziato circa cinquant’anni fa, è stato applicato con vigore negli ultimi anni su molti waterfront in tutto il mondo (Tastsoglou & Dimitra, 2012).

L’intensificazione della rigenerazione del lungomare è davvero notevole negli ultimi decenni, quando le città sul lungomare hanno iniziato a sviluppare strategie di sviluppo urbano postindustriale negli anni ’70, ’80 e ’90 (Λουκαδάκη, 2011).

12. Differenti tipologie di riqualificazione dei waterfront urbani

Hoyle (2000), le rigenerazioni del lungomare urbano non sono solo un fenomeno che si verifica nelle città portuali post-industriali. È possibile vedere tutti i tipi di insediamenti in riva al mare, compresi i waterfront creati su terre umide o costiere bonificate ( Al Ansari, 2009 ). Per quanto riguarda gli obiettivi della loro classificazione è molto difficile. Perché una rigenerazione ha più scopi allo stesso tempo. Moretti (2008) indica diverse tipologie di riqualificazione del waterfront come segue:

  1. New Urban Expansion: Questa tipologia contiene le aree del lungomare che viene ricostruito ex novo nelle aree disponibili; e bonifica di vecchie aree industriali o portuali. Alcuni esempi di ciò possono essere forniti a Hafen City ad Amburgo, e ( Figura 11) sul lago Spandau e la baia di Rummelsburg, a Berlino (Moretti, 2008a; Giovinazzi & Giovinazzi, 2008 ).

Figura 11.

Una vista del lago Spandau a Berlino (Hellway, 2013)

 

  1. Waterfronts e Grandi Eventi: In questo si stabilisce in conseguenza di importanti eventi temporanei nell’area del waterfront come gli Expos ( Figura 12) : a Siviglia (1992), Barcellona (1992, 2004), Genova (1992 e 2004), Lisbona (1998), Londra (2000), Saragozza (2008). In seguito, attorno a queste aree si sviluppano nuove aree urbane come zona residenziale e produttiva (Moretti, 2010).
Figura 12.Esempi di visioni di Expos (Moretti, 2008b) 
  1. Nuovi Percorsi Urbani del Lungomare: La riqualificazione del waterfront comporta ricadute innovative lungo le sponde e nelle aree limitrofe. Fornisce usi pubblici lungo i percorsi pedonali. Ad esempio, Barcelonetta Beach e dintorni ( Figura 13) che collega le aree portuali e la riva del fiume lungo il Tamigi a Londra ( Figura 14) con usi pubblici come fare jogging, camminare e andare in bicicletta ecc. ( Aksoy, 2006 ; Moretti, 2008a) .
  2. Questi insediamenti sono stati stabiliti intorno a un porto con approdo sicuro adatto a navi da carico e passeggeri ( Figura 6) . In questo momento, il lungomare ha solo pochi sentieri che convergono in un molo. Successivamente, è stato installato lentamente un modello stradale. In questo periodo veniva solitamente allestito un molo di legno più grande per la nave. Inoltre, gli edifici iniziarono a svilupparsi sul modello stradale. Nonostante la rapida crescita e sviluppo, l’insediamento è ancora collegato al lungomare tramite una strada litoranea ( Akköse, 2007 ; Wrenn et al., 1983).
  3. Riuso delle Aree Portuali: Questa tipologia comprende aree di waterfront che vengono rigenerate ex aree portuali. Con il riutilizzo di queste aree, l’acqua si riappropria del cuore delle città. Ad esempio ( Figura 15) Rotterdam (Moretti, 2008a).
  4. Difesa dalle inondazioni: Alcune strutture istituite per la difesa dalle inondazioni fluviali possono rappresentare una nuova opportunità per l’espansione della città e per l’istituzione di nuovi usi urbani. Si possono fare tre esempi di ciò. Il primo è con aree verdi e usi ricreativi come un festival all’aperto e attività sportive ecc. Il Donauinsel (Isola del Danubio) a Vienna ( Figura 16a), come isola barriera creata (Moretti 2008a). Da oltre 20 anni alla fine di giugno un paio di milioni di persone si riuniscono al Donauinsel per visitare il più grande festival all’aperto d’Europa, il Donauinselfest (Anonim, 2013c). Gli altri sono il fiume Guadalupe ( Figura 16b) a San José, California, USA e il torrente Porsuk a Eskişehir, Turchia.

Figura 13.

a) Vista dall’alto della spiaggia della Barcelonetta in Spagna (Anonimo, 2013), (b) (www.leatherdevil.com) usi pubblici in spiaggia (Aksoj, 2006)

 

Figura 14.

Thames River Bank fornisce l’accesso pubblico al fiume e ai siti culturali (Donofrio, 2007)

 

Figura 15.

Riuso di aree portuali come Rotterdam in Olanda (Moretti, 2008a)

 

Figura 16.

a) Il Donauinselfest di Vienna (Anonimo, 2013d), (b) Fiume Guadalupe a San José, California, USA (Önen, 2007)

 

  1. Spiagge urbane: le spiagge urbane sono descritte dagli urbanisti come un ambiente creato artificialmente in un’area urbana. Mostrano una modalità distintiva e alternativa di riuso dei waterfront. Le spiagge urbane sono relativamente non fisse a causa di temporanee e mobili. Le loro posizioni e usi possono essere cambiati. Possono essere un’installazione stagionale (soprattutto nei mesi più caldi) su una carreggiata o un parcheggio o un parco pubblico o un sito sgombrato dalla demolizione. Le spiagge urbane hanno una vista sui waterfront urbani, anche in queste zone a volte può essere possibile l’accesso all’acqua. Queste aree vengono confrontate con gli ambienti naturali della spiaggia utilizzando oggetti tematici come un grande volume di sabbia, ombrelloni, elementi di scenografia, palme e capanne di paglia. La prima spiaggia urbana contemporanea è stata creata in Francia.Anonimo, 2013 e; Steven, 2011 ). Le spiagge urbane non solo forniscono molte attività ricreative e sportive, ma rappresentano anche attività sociali come una sorta di ‘piazza’ (Moretti 2008). Ad esempio, Strand Pauli ad Amburgo, The Badeschiff sul fiume Sprea a Berlino, Porsuk Plage a Eskişehir, Paris Plage a Parigi ecc.
Figura 17.a) Strand Paulion sulle rive del fiume Elba ad Amburgo (Anonimo, 2013f), (b) Il Badeschiff sulla Sprea, a Berlino (Anonimo, 2013g), (c) Porsuk Plage a Eskişehir (Originale, 2010) Spiagge di strada, (a) Paris Plage (Anonimo, 2011

Urban Riverfront Regeneration: come intersezione tra diversi aspetti della vita urbana, il fiume rappresenta un patrimonio comunitario e il suo lungofiume dimostra un grande potenziale per diventare un asse centrale in un nuovo e articolato spazio pubblico. Alcuni esempi possono essere il canale Cheong Gye Cheon a Seoul, l’Houtan Park Shanghai in Cina ( Figura 18) , il fiume Brda in Polonia ( Figura 19a), il Dark River Irwell a Manchester ( Figura 19b), l’ Hudson River Park a New York ( Figura 20a), Emscher Landschaftspark in Germania ( Figura 20b) .

Figura 18.Houtan Park, Shanghai (Fondazione per l’architettura del paesaggio, 2013) 
Figura 19.a) Fiume Brda a Bydgoszcz in Polonia (Originale, 2012), (b) Dark River Irwell a Manchester (APEM e Agenzia per l’ambiente, 2010) 
Figura 20.a) Hudson River Park, New York (Anonimo, 2013h), (b) Emscher Landschaftspark in Germania (Anonimo, 2013io; Cavo, 2010) 

10. Benefici e rischi della riqualificazione del waterfront urbano

La rigenerazione del waterfront urbano, che è un fenomeno di dimensione globale, ha benefici sociali, economici e ambientali per la comunità. Secondo Papatheochari (2011), Jones (2007) e Goddard (2002), i vantaggi più evidenti delle rigenerazioni urbane del waterfront sono:

  • L’aumento dei valori immobiliari,
  • La conservazione del patrimonio storico e locale anche il riuso di edifici storici,
  • Il miglioramento della qualità dell’acqua e dell’ecologia dell’acqua attraverso processi di gestione avanzati,
  • Fornire opportunità per nuovi usi e attività,
  • Rappresentazione di nuove opportunità di rigenerazione economica per aree urbane in declino,
  • Attrarre turisti non solo a livello regionale, ma anche nazionale e internazionale,
  • La fornitura di molte nuove case,
  • Fornire nuovi posti di lavoro,
  • Il miglioramento delle condizioni ambientali,
  • Il progresso di migliori servizi di trasporto e servizi sociali,
  • Fornire relazioni tra acqua e città,
  • Incentivazione di investimenti economici su aree degradate,
  • Con il miglioramento dell’immagine della città che provoca giuste strategie di marketing.

La rigenerazione del lungomare urbano può anche avere alcuni dei rischi e degli effetti negativi, oltre a menzionare questi benefici. I rischi e gli effetti negativi della rigenerazione del waterfront spiegano come segue secondo Morena (2011).

Standardizzazione delle inversioni; Quando si pianifica un’inversione di rigenerazione, uno dei rischi maggiori è quello di selezionare. In breve, i modelli possono essere scollegati dall’area in esame. Il risultato porta spesso a una sorta di disorientamento in cui si perde l’identità del luogo.

Poco spazio alle logiche immobiliari; “A volte l’esito finale non corrisponde agli obiettivi iniziali del progetto e il ‘bene comune’ in termini di spazi, fruizione e fruibilità, è in parte trascurato a favore di interessi di proprietà” (Morena, 2011).

Una funzione eccessivamente turistico-commerciale; Il predominio di queste funzioni su quelle residenziali e produttive rappresenta un rischio importante. Perché queste aree vengono solitamente utilizzate poche ore al giorno e nei fine settimana. Mentre all’area di progetto si fa la progettazione, per fornire un uso a lungo termine di quest’area dovrebbe essere aggiunto anche l’uso residenziale come extra commerciale-turistico (Morena, 2011).

L’intorno delle aree residenziali dovrebbe essere misto sia funzionalmente che socialmente ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ).

Obiettivo di alto livello di profitto; Il raggiungimento di un alto livello di profitto è considerato importante piuttosto che la ricerca di un’alta qualità (Moretti, 2008a).

Libero accesso al lungomare; L’obiettivo di questo progetto è fornire una relazione tra le persone e il lungomare. Quindi l’accesso a queste aree dovrebbe essere libero e indiscriminato. Recentemente tali trasformazioni hanno prodotto nuovi divieti e nuove aree riservate a poche categorie (Morena, 2011).

I principi. per lo sviluppo di successo delle aree urbane del lungomare

I piani del lungomare sono di vitale importanza per gli sviluppi del lungomare. Secondo Acosta (1990) mentre il piano fa, tre elementi sono considerati: accesso pubblico, camminamenti e spazi aperti; progettazione urbana e paesaggistica; e usi del suolo lungo il bordo del fiume ( Dong, 2004 ).

La base della rigenerazione del lungomare è integrata con l’acqua e la città. Quindi, l’accesso pubblico e gli spazi aperti sono più importanti per uno sviluppo di successo delle aree urbane del lungomare.

L’accessibilità dell’acqua può essere valutata in tre formati: connettività città-lungomare, continuità tra le zone di lungomare e connettività lungomare-acqua. Questi sono stati presentati nella Figura 21 .

Acosta (1990), le linee guida della progettazione urbana possono proteggere l’interesse pubblico enunciando gli standard di base per lo sviluppo privato. Inoltre, i criteri forniti per le linee guida della progettazione urbana dovrebbero essere semplici e chiaramente definiti; completamente illustrato; rimanere coerenti nel tempo. Adair et al., (2000) hanno sostenuto che un approccio di piano generale è essenziale in modo che gli investitori possano realizzare l’impegno a lungo termine per un particolare schema ( Dong, 2004 ).

Figura 21.

Figura 20. Accessibilità del Lungomare (Al Ansari, 2009)

 

Inoltre, gli effetti estetici e funzionali dell’acqua dovrebbero essere arricchiti con disegni impiantistici e strutturali nei piani di riqualificazione del waterfront urbano.

Lynch, Spence e Pearson (1976), gli usi del suolo nelle aree urbane del litorale dovrebbero essere classificati in base al grado di integrazione con l’acqua ( Dong, 2004 ). In questo contesto è importante anche la dipendenza dall’acqua. Sairinen & Kumpulainen (2006) ed Erdoğan (2006), hanno indicato che è possibile una triplice classificazione della dipendenza:

  1. Usi dipendenti dall’acqua: la posizione in riva al mare è indispensabile. Come un campo di traghetti, terminal marittimi, riparazioni navali e lavori di costruzione, le cacce commerciali possono essere esempi di questo gruppo.
  2. Usi legati all’acqua: a causa delle aree costiere ci sono usi che si trovano in condizioni vantaggiose. Ad esempio, campi di produzione industriale, alcuni depositi e spazi pubblici.
  3. Usi indipendenti dall’acqua: questo gruppo di usi non è né dipendente né correlato al litorale. Ad esempio i parchi pubblici, alcuni complessi commerciali e di servizi.

Torre (1989) ha identificato che il successo di uno sviluppo del waterfront è raggiunto solo quando può funzionare a tutti i livelli e beneficiare tutte le parti interessate. Inoltre, ha sottolineato che si consiglia di prendere in considerazione 10 elementi durante la pianificazione di uno sviluppo del lungomare per raggiungere gli obiettivi specifici di uno sviluppo del lungomare di successo (Yassin, Bond e McDonagh, 2012). Questi sono stati presentati nella Figura 22 .

Inoltre, Bertsch (2008) ha raccomandato diversi principi che devono essere inclusi durante lo sviluppo di piani per le aree del litorale: (i) accessibilità, (ii) integrato, (iii) condivisione dei benefici, (iv) partecipazione delle parti interessate, (v) fase di costruzione (Yassin et al., 2012).

Anche Wang (2008), ha esaminato campioni di riqualificazione del waterfront negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Europa. In base a ciò, ha suggerito che la rigenerazione del lungomare avrà successo se saranno seguiti i seguenti aspetti:

  1. Il lungomare dovrebbe essere definito e il futuro ruolo del lungomare nella città dovrebbe essere pensato,
  2. Il piano generale dovrebbe essere realizzato, la partecipazione delle comunità e degli sviluppatori nella prima fase,
  3. Le condizioni fisiche ed economiche dovrebbero essere favorite per la rigenerazione del litorale,
  4. Le autorità pubbliche, le organizzazioni private e i gruppi comunitari dovrebbero lavorare insieme,
  5. Il piano generale dovrebbe essere rivisto per rispondere al cambiamento del mercato e ridurre il rischio finanziario.

Figura 22. Figura 21. Torre (1989), elementi per uno sviluppo del waterfront di successo (Yassin et al., 2012)

I principi. per uno sviluppo sostenibile delle aree urbane del waterfront

Al giorno d’oggi, secondo Thomas (2003), 2,8 miliardi di persone in tutto il mondo vivono in aree urbane. Sono grandi calamite per la maggior parte degli esseri umani con opportunità sociali ed economiche offerte, oltre a dover affrontare diversi problemi come l’inquinamento atmosferico, idrico e acustico, la mancanza di aree aperte e verdi e trasporti inadeguati. Si prevede che entro la fine del 21° secolo i tre quarti della popolazione mondiale saranno urbani. Non c’è dubbio che questa tendenza demografica aumenterà maggiormente gli effetti negativi esistenti sull’ambiente urbano. Queste questioni urbane sono trattate nell’ambito della sostenibilità (Vasconcelos Silva, 2006).

L’acqua è la principale fonte di vita per i viventi. Allo stesso tempo, è un vantaggio ecologico, economico e sociale per le città.

Le aree in cui si vedono questi vantaggi sono i lungomare. Per trarre vantaggio da quelli dovrebbe essere fornito uno sviluppo sostenibile in queste aree.

La sostenibilità viene valutata in tre dimensioni: economica, ambientale e sociale. Queste tre dimensioni devono essere combinate a tutti i livelli (Vasconcelos Silva, 2006).

Giovinazzi & Moretti (2010 ) hanno indicato i 10 principi, che sono stati sviluppati da Cities on Water in collaborazione con Wasserstadt GmbH, Berlin, nel corso di seminari internazionali, sono stati approvati nell’ambito delle iniziative per la Global Conference on the Urban Future ( URBAN 21) tenutasi a Berlino nel luglio 2000 e nel corso dell’Esposizione Universale EXPO 2000, per uno sviluppo sostenibile delle aree urbane waterfront. Inoltre, Benson (2002 ), ha evidenziato 9 lezioni, che erano l’esperienza del Waterfront Regeneration Trust in The Lake Ontario Waterfront Trail, per il successo nella rigenerazione. Alcune di queste lezioni si sovrapponevano ai principi della sostenibilità.

Secondo loro, i principi per uno sviluppo sostenibile dell’area del lungomare urbano sono stati spiegati come segue.

  1. Garantire la qualità dell’acqua e dell’ambiente

Bruttomesso (2001), Krieger (2004), Locklin (1999), White (1991), la qualità dell’acqua è una dimensione importante che potrebbe influenzare il waterfront, in particolare la sua accessibilità e la varietà dei suoi usi ( Al Ansari, 2009 ) . Per questo motivo, la qualità dell’acqua nel sistema dei corsi d’acqua, dei fiumi, dei canali, dei laghi, delle baie e del mare è un prerequisito per tutti gli sviluppi del waterfront. Quindi, l’acqua deve essere trattata per ottenere una buona qualità dell’acqua e anche per creare un migliore senso dell’olfatto per il pubblico. L’aspetto della qualità dell’ambiente è un elemento importante nella gestione dello spazio per il comfort e la salute pubblica ( Giovinazzi & Moretti 2010 ; Shaziman et al., 2010).

I comuni (gestori locali) sono responsabili del recupero sostenibile degli argini abbandonati e in stato di abbandono e delle acque contaminate ( Giovinazzi & Moretti 2010 ).

2. I waterfront fanno parte del tessuto urbano esistente

I piani di sviluppo del lungomare devono garantire che i waterfront siano ricollegati al tessuto urbano. Vale a dire che i nuovi waterfront dovrebbero essere considerati parte integrante della città esistente e contribuire alla sua vitalità. Quindi, questi piani dovrebbero essere basati per svilupparsi sulla pianificazione urbana complessiva e anche conservare le qualità delle aree pubbliche ( Benson, 2002 ; Giovinazzi & Moretti, 2010 ; Hou, 2009). Inoltre, le aree verdi del lungomare dovrebbero essere considerate l’intero sistema urbano (Kaynak!!)

Inoltre, l’acqua fa parte del paesaggio urbano e dovrebbe essere utilizzata per funzioni specifiche come il trasporto per vie d’acqua, la ricreazione, la cultura e l’estetica, ecc. ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ).

3. L’identità storica dà carattere

Il patrimonio collettivo di acqua e città, di eventi, punti di riferimento, architettura esistente e natura dovrebbe essere utilizzato per dare carattere e significato alla riqualificazione del lungomare. In particolare, la conservazione del passato industriale è un elemento integrante della riqualificazione sostenibile per le città portuali post-industriali ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ). Quindi, il paesaggio naturale e quello culturale dovrebbero essere concepiti insieme.

Con questi obiettivi, mentre pianificano le aree verdi del lungomare, dovrebbero essere combinate con il paesaggio culturale. In questo modo sarà garantita la continuità del contesto storico urbano. Inoltre, la vitalità del paesaggio del lungomare sarà migliorata ( Anonimo, 2013 i).

4. L’uso misto è una priorità

I waterfront urbani sono l’interfaccia tra acqua e terra (Wrenn et al., 1983). Mentre applica utilizza seleziona, gli usi che richiedono l’accesso all’acqua dovrebbero essere prioritari poiché la funzione dell’acqua è in primo piano. I waterfront dovrebbero celebrare l’acqua offrendo una varietà di usi culturali, commerciali e abitativi ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ).

5. L’accesso pubblico è un prerequisito

Bertsch (2008), come citato in Yassin et al. (2012), il waterfront urbano non dovrebbe essere isolato o separato dallo sviluppo, in modo che il pubblico possa accedere facilmente al waterfront.

I waterfront dovrebbero essere accessibili sia fisicamente che visivamente per la gente del posto e i turisti di tutte le età e reddito in qualsiasi momento. L’accesso visivo all’area del lungomare è migliorato fornendo una serie di corridoi panoramici. L’accessibilità al lungomare per i pedoni è massimizzata fornendo collegamenti fisici dalle aree centrali urbane. Inoltre, le aree pubbliche dovrebbero essere costruite in alta qualità ( Figura 23) per consentire un uso intensivo ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ; Al Ansari, 2009 ; Shaziman, et al., 2010). Con lo sviluppo della tecnologia, è soggetto all’uso di molti nuovi tipi di materiale ( Figura 1) in quest’area (Hou, 2009). Quindi, questo dovrebbe essere considerato nella fase di pianificazione e progettazione.

Figura 23.Un esempio di design innovativo, Dark River Irvel a Manchester (APEM e Agenzia per l’ambiente, 2010) 

Rendere il lungomare una priorità della comunità

Una volta determinata una visione per il lungomare e lo sviluppo (o la rigenerazione) dovrebbe essere gestito non solo per i residenti e le imprese locali, ma essenzialmente per la comunità come priorità ( Benson, 2002 ).

La pianificazione in partenariati pubblico-privato accelera il processo

Lo sviluppo del lungomare collega persone e spazi. Richiede cooperazione per raggiungere un obiettivo comune ( Benson, 2002 ). Quindi, i nuovi sviluppi sul lungomare dovrebbero essere pianificati sotto forma di partenariati pubblico-privati. “Le pubbliche amministrazioni devono garantire la qualità della progettazione, fornire le infrastrutture e generare equilibrio sociale. Gli sviluppatori privati ​​dovrebbero essere coinvolti fin dall’inizio per assicurare la conoscenza dei mercati e per accelerare lo sviluppo” ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ).

Garantire investimenti pubblici strategici e attrarre risorse private

La conservazione degli investimenti pubblici strategici e l’attrazione delle risorse private avrebbero un effetto crescente sull’utilizzo dei waterfront a lungo termine. La leadership imprenditoriale e una forte pianificazione strategica attirano gli investimenti del settore privato ( Benson, 2002 ).

La partecipazione pubblica è un elemento di sostenibilità

Lo sviluppo sostenibile del lungomare dovrebbe essere sviluppato non solo negli aspetti ecologici ed economici, ma anche dal punto di vista sociale. Per questo motivo i processi di pianificazione devono essere trasparenti e devono prevedere occasioni significative di coinvolgimento delle persone. In altre parole, la comunità dovrebbe essere informata e coinvolta nelle discussioni continuamente fin dall’inizio ( Figura 24) . Tale approccio dovrebbe essere necessariamente preso in considerazione come elemento importante per la sostenibilità e la buona pianificazione dello sviluppo del waterfront ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ; Benson, 2002 ).

Figura 24.

Coinvolgimento pubblico nel Newark Riverfront Regeneration Plan (Booker, Pryor e Rich, 2010)

I waterfront sono progetti a lungo termine

“I waterfront devono essere rigenerati passo dopo passo in modo che l’intera città possa beneficiare delle loro potenzialità. Sono una sfida per più di una generazione e hanno bisogno di una varietà di personaggi sia nell’architettura che nello spazio pubblico e nell’arte. La pubblica amministrazione deve dare impulsi a livello politico per far sì che gli obiettivi siano realizzati indipendentemente dai cicli economici o dagli interessi di breve periodo” ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ).

La rigenerazione è un processo continuo

Tutta la pianificazione generale deve basarsi sull’analisi dettagliata delle funzioni e dei significati principali del waterfront. I piani dovrebbero essere flessibili, adattarsi al cambiamento e incorporare tutte le discipline pertinenti. Per favorire un sistema di crescita sostenibile, la gestione e l’esercizio dei waterfront diurni e notturni deve avere pari priorità rispetto alla loro realizzazione ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ).

Richiede un lavoro multidisciplinare

La rigenerazione dei waterfront è un compito molto complesso. Per questo motivo è richiesta la partecipazione e la collaborazione di più discipline occupazionali sia nella sua progettazione che nella sua applicazione ( Giovinazzi & Moretti, 2010 ).

Guarda oltre i tuoi confini

Secondo Spirn (1994), sebbene i problemi causati dall’urbanizzazione possano differire da città a città e da paese a paese, hanno molto in comune ( Arslan 1996 ). L’approccio dei paesi e delle città che sono riusciti a risolvere questi problemi dovrebbe essere esaminato e considerato. Pertanto, quando si tratta anche di riqualificazione dei waterfront, dati, servizi e prodotti a livello nazionale e internazionale devono essere condivisi e scambiati attraverso una visione oltre i confini. Questa realtà significa che il lungomare è diventato un luogo di interesse e significato internazionale. Questa è una realtà economica vitale e anche un’enorme opportunità per il paese o la città di attrarre nuovi investimenti e di continuare a imparare da altri impegnati nella rigenerazione ( Benson, 2002 ).

Casi di studio

 Flusso Porsuk, Eskişehir, Turchia

Secondo Anonim (2005), Ulu (2005), Eskişehir, che era solo un piccolo insediamento con meno di 30.000 residenti fino al periodo della Repubblica, ha aumentato il numero della sua popolazione a 706.009 entro il 2000 con un aumento di 4,5 volte. Fino al 2001, il torrente Porsuk e le sue sponde all’interno della città di Eskisehir sono stati esposti a intense pressioni a causa dell’aumento del numero della popolazione cittadina e del conseguente uso impreciso delle relative terre. Di conseguenza, il torrente è diventato quasi una fogna a cielo aperto che attraversa la città (Pekin, 2008).

La Grande Municipalità di Eskisehir ha preso in considerazione il fatto che una città attraversata da un fiume è sempre minacciata da possibili inondazioni e anche dal recente disastro del terremoto (17 agosto 1999) che la città ha vissuto e ha così avviato il Progetto del torrente Porsuk nel 2001 ( Figura 24) con il supporto della Banca Europea per gli Investimenti con l’obiettivo di proteggere la città dai danni delle calamità naturali e minimizzarne anche gli effetti. Questo progetto viene eseguito come Progetto per ridurre i danni dei disastri naturali (Componente 2) che fa parte dei Progetti di sviluppo urbano con tre componenti principali (Büyükerşen & Efelerli, 2005). Questo progetto include la parte lunga 12 km del torrente Porsuk che attraversa il centro della città.

Questo progetto è fondamentalmente un progetto di difesa dalle inondazioni, la riabilitazione del fiume è stata fatta per superare l’alluvione in modo sicuro. La questione delle inondazioni a Eskişehir è stata esaminata dagli affari idrici statali nell’ambito del piano di amministrazione delle acque del bacino di Porsuk. Oltre a questo studio, è stato preparato il progetto di riabilitazione della transizione urbana del torrente Porsuk. Le relative precauzioni possono essere riassunte come segue (1) la costruzione della diga di detenzione delle inondazioni di Sarısu poiché il torrente Sarısu che sfocia nel torrente Porsuk all’interno della città ha un effetto crescente sul rischio di inondazioni, (2) la costruzione delle trappole di sabbia Sarısu e Porsuk per trattenere spazzato via feccia e sporcizia e anche pulizia di queste trappole prima e dopo la stagione delle inondazioni (3) Ripristino di una parte di 9,6 km del letto del torrente Porsuk (4) Costruzione di nove ponti per veicoli, esame di quattro ponti pedonali contro il rischio sismico e realizzazione di quattro nuovi ponti pedonali (5) Realizzazione di otto edifici per il controllo del livello delle acque al fine di rendere uniforme la regolazione del flusso del fiume nelle parti ripristinate e mantenerne la piena portata (6) Dotazioni edifici a livello dell’acqua con sensori automatici che li rendono mobili al fine di evitare che tali edifici diventino un handicap durante le inondazioni, (7) Riabilitazione dei principali canali di irrigazione che consiste di 3408 m. sponda sinistra e 5100 m. riva destra (Büyükerşen & Efelerli 2005). Anonim (2006c), Inoltre, il flusso del torrente è regolato dalla diga di Porsuk (Pekin, 2008). Inoltre, è stato necessario dotare gli edifici a livello dell’acqua di saracinesche per il trasferimento delle barche al fine di non impedire il trasporto per via d’acqua all’interno del corso d’acqua (Büyükerşen & Efelerli 2005).

Figura 25.

Porsuk Stream a Eskişehir in Turchia Porsuk Çayı (a) prima; (b) nell’applicazione; (c) ora (Eskişehir Greater Municipality, 2006)

 

Le parti lisce ravvivate dopo il processo di restauro hanno reso possibile il trasporto per via d’acqua sul torrente. Inoltre, è stato preparato un progetto paesaggistico completo per accogliere il ripristino dell’area circostante il torrente ( Figura 26) . In base a ciò, sulle rive e nei dintorni sono stati realizzati sentieri, aree ricreative e parchi (Büyükerşen & Efelerli 2005).

Figura 26.

a) Il trasporto su acqua (Eskişehir Greater Municipality, 2006), e (b) Gare di canoa sul torrente Porsuk (Anonimo, 2013j), (c) Sentieri Eskişehir Greater Municipality, 2006).

 

Hafen City, Amburgo, Germania

La città di Amburgo si trova sul fiume Elba che sfocia nel Mare del Nord come seconda città più grande della Germania e ospita il secondo porto più grande d’Europa (Waterfront Communities Project, 2007). Mentre le parti importanti del porto si trovano ora sulla sponda sud del fiume Elba, la maggior parte della sponda nord-occidentale è rimasta in disuso per funzioni portuali fino al 1997 ed è stata quindi rigenerata per uso urbano ( Hans, 2008 ; Erkök, 2009 ).

Questa zona di rigenerazione descritta come Hafen City. Il progetto Hafencity o città portuale ( Figura 27)offre una straordinaria opportunità sulle rive del fiume Elba. A causa della sua vicinanza alla zona centrale, il progetto ha il potenziale per diventare una comoda estensione del centro città (Appleton, 2005). Questa area di progetto (http://www.hafencity.com) si svolge tra lo storico quartiere dei magazzini Speicherstadt e il fiume Elba, ci sarà una nuova città con usi misti. Secondo Hafencity Hamburg GmbH (2006), l’area occasionalmente inondata richiedeva una soluzione intelligente per questo problema, non isolando la terra dall’acqua con alte difese. Ad eccezione delle passeggiate sul lungomare, l’intera area sarà sollevata da 7,50 a 8,00 metri sopra il livello medio del mare, creando una nuova e distintiva topografia preservando l’accesso all’acqua ( Erkök, 2009). Inoltre, le aree residenziali e le passeggiate saranno fissate su pali di cemento (Mimdaporg, 2008). Nell’area di progetto, i marciapiedi sopraelevati, i parcheggi sotterranei impermeabili e i waterfront accessibili, come parte della nuova infrastruttura di emergenza, hanno fornito una riuscita combinazione di sicurezza e qualità spaziale degli spazi urbani. Come soluzione per l’accessibilità dell’acqua a tutte le maree nelle banchine molto alte, Enric Miralles ha progettato un ‘paesaggio’ discendente di superfici ( Figure 28 , 29) ( Erkök, 2009 ).

Figura 27.

In applicazione Fiume Elba, Hafencity ad Amburgo (Bruns, 2012)

 

Il progetto, che comprende un’area di 155 ettari, è attualmente in costruzione e la sua applicazione prevede un ambizioso periodo di 25 anni. Quando sarà completamente realizzato, Hafencity avrà 5.500 appartamenti, 20.000 posti di lavoro, 20 ettari di spazio pubblico aperto e importanti strutture culturali su questo lungomare. Inoltre coinvolge circa 10 km di passeggiate lungo la banchina (Appleton, 2005; Erkök, 2009 ).

È il più grande progetto di sviluppo urbano in Europa. Con il progetto Hafencity il centro città sarà ampliato del 40% e ospiterà anche 10000-12000 abitanti ( Erkök, 2009 ; Hans, 2008 ).

Figura 28.

Una terrazza sul lungomare e il ‘paesaggio’ discendente delle superfici (Schneider, 2010)

 

Figura 29.

Una vista degli usi pubblici di Hafencity (Bruns, 2012)

 

Inoltre, in Hafencity Project si distingue per un sistema di trasporto pubblico molto attraente. In base a ciò, i percorsi pedonali ( Figura 29) sono più dominanti rispetto ai percorsi veicolari. Anche il 70% dei percorsi pedonali è lontano dalle strade e le piste ciclabili si trovano nell’area ( Hans, 2008 ; Mimdaporg, 2008).

In questo progetto è stato considerato principi di sostenibilità. È stato notato un uso economico dell’energia. In questo contesto sono stati utilizzati materiali da costruzione ecologici (Mimdaporg, 2008).

Numerosi progetti sviluppati da diversi architetti sono riuniti in Hafencity (Mimdap, 2008). I punti salienti culturali del progetto vanno dalla suggestiva sala concerti Elbphilarmonie ( Figura 30a), al Museo Marittimo Internazionale di Amburgo ( Figura 30b) e alle nuove piazze urbane utilizzate per eventi minori ( Erkök, 2009 ). Inoltre, con il riutilizzo del magazzino, sono stati forniti ponti e gru per integrare il tessuto storico e il lungomare (Waterfront Communities Project, 2007).

Figura 30.

a) Elbphilarmonie Concert Hall, (b) Museo Marittimo Internazionale di Amburgo (Schneider, 2010)

 

Il canale Cheonggyecheon a Seul

Cheonggyecheon (“ruscello della valle limpida”) ( Figura 31) è un ex corso d’acqua stagionale nel centro della città di Seoul, in Corea del Sud, precipitato nel fiume Han. Tra il 1958 e il 1976, il torrente fu coperto e sopra di esso furono costruite Cheonggye Road e Elevated Expressway. Al giorno, il traffico combinato su entrambe le strade era di circa 168.000 veicoli e il ruscello ha continuato ad esistere come canale fognario (Seattle Urban Mobility Plan, 2008; Önen, 2007).

Nell’anno 2000, uno studio della Società Coreana di Ingegneria Civile ha scoperto che per tre anni dovrebbero essere eseguiti seri lavori di riparazione per ovviare alle carenze della strada e della struttura sopraelevata. Anche l’area di Cheonggye diventa la parte più congestionata e rumorosa di Seoul. Quando Lee Myung-bak è stato eletto sindaco di Seoul nel 2001, una delle sue principali promesse elettorali era quella di rimuovere questa superstrada e ripristinare il torrente Cheonggyecheon. Così, invece di riparare la struttura autostradale sopraelevata, i politici dell’epoca decisero di ripristinare lo storico corso d’acqua sottostante la struttura. Pertanto, nel luglio 2003 è stato avviato uno studio di progetto che è diventato il più grande progetto di rinnovamento urbano intrapreso nella storia coreana (Martires, 2007; The Preservation Institute, 2007).

Figura 31.

Prima (a) e dopo (b) Cheonggye Expressway (Seattle Urban Mobility Plan, 2008)

 

Secondo Martires (2007), Seoul Metropolitan Government (2009) gli obiettivi del Progetto sono i seguenti:

  • Creazione di uno spazio urbano rispettoso dell’ambiente,
  • Restauro della storicità e della cultura di Seoul,
  • Soluzione per il problema di sicurezza del deterioramento della struttura su Cheonggyecheon,
  • Sviluppo regionale equilibrato tra il nord e il sud di Seoul,
  • Per migliorare la qualità dell’acqua della città,
  • Stimolare la crescita economica.

C’erano due problemi relativi all’applicazione del Progetto. Uno dei problemi è la congestione vissuta a nord di Seoul con la sostituzione delle strade che si trovano in posizione di arteria principale. E l’altro quel ruscello chiuso è secco tranne durante i mesi estivi (Önen, 2007).

Tra il 2003 e il 2005 l’autostrada è stata rimossa e il torrente recuperato. Di conseguenza, il problema della siccità è stato risolto portando l’acqua dal fiume Han e la profondità dell’acqua era di 40 cm. Il torrente è il pezzo centrale di un parco lineare di 5,8 km. Su entrambi i lati del parco si trovano nuove strade a due corsie a senso unico (Önen, 2007; Seattle Urban Mobility Plan, 2008).

Il Progetto è suddiviso in tre sezioni ( Figura 32) e pianifica ogni sezione con temi specifici, storia (tradizione), cultura-urbana (età presente) e natura (futuro). Inoltre, tre team ciascuno, ovvero ingegneria civile, architettura del paesaggio e altre discipline, hanno lavorato insieme in ciascuna sezione (Seoul Metropolitan Government, 2009; Lee, 2006; Önen, 2007).

New Cheonggyecheon offre un tratto ininterrotto di spazio verde che copre 276650 m² lungo 5,8 km del torrente. Il Progetto basato su tecnologia e creatività. Il concetto di base della progettazione del paesaggio è quello di implementare l’immagine di “Urban Stream with Nature”. I concetti principali degli arrangiamenti paesaggistici sono considerati come segue (Önen, 2007; Lee, 2013).

Realizzare aree verdi con concetto di spazio continuo lungo 5,8 km di corso d’acqua,

Trasformare da paesaggio urbano a struttura naturale in modo graduale,

Per creare aree tematiche come parchi ecologici, fontana e cascata,

Per fornire l’equilibrio ottimale tra sfruttamento ed ecologia,

Figura 32.

Tre sezioni del Progetto (Lee, 2006)

 

Un certo numero di 22 ponti si trovano sul torrente. I sette di loro sono solo pedonali, gli altri sono misti come pedonali e carrabili. E anche i ponti storici (ad esempio il ponte Gwanggyo) sono stati restaurati. I ponti che attraversano il corso d’acqua restaurato sono stati progettati per riflettere il carattere dei loro quartieri ((Martires, 2007; Önen, 2007).

L’impianto di illuminazione è stato progettato per conferire al ruscello e al quartiere un carattere distintivo ( Figura 33) di notte (Martires, 2007).

Figura 33.

Il canale Cheonggyecheon di notte (The Preservation Institute, 2007)

 

Lungo il corso d’acqua ( Figura 34) sono state costruite piazzette, opere d’arte, ponti sul lungomare per i cittadini e sono stati introdotti biotopi per piante, pesci e uccelli. Il letto del corso d’acqua superiore è per lo più costruito con pietra per resistere alla purga. I muri in pendenza di 41.889 m² che separano le strade dal torrente con un’altezza da 2 a 6,5 ​​m sono stati costruiti di recente e la superficie del muro è stata ricoperta di lastre di granito per ricreare l’immagine passata del muro in muratura.

Il costo di costruzione è stato di 386 milioni (USD). Nei 15 mesi successivi alla sua apertura, il parco ha attirato circa 90.000 visitatori al giorno, il 30% dei quali al di fuori dell’area metropolitana (Lee, 2013; Seattle Urban Mobility Plan, 2008).

Figura 34.

 

Cheonggyecheon: (a) Installazione artistica, (b) Maratona (Martires, 2007)

 

Riferimenti

  1. ????anno Domini???,B. (2011). ?? ?un?un??un?? ??t?p? ?? ?un?????ta? ????t?sµ?? ?un? ???pt????.?Fa??????? ??μ?? ?? ?e??pt?S? ?e??t?? ?come?????. Data di accesso: 10.01.2013, Disponibile da:http://dspace.lib.ntua.gr/…/loukadakiv_faliron.pdf
  2.  Akkosecorrente alternata2007L’analisi dell’area del cantiere navale di Istinye nel contesto della riqualificazione delle aree urbane del lungomare. Tesi di laurea, Università tecnica di Istanbul, Istituto di scienza e tecnologia, 131 p., Istanbul.
  3. AksoyCO2006La valutazione delle spiagge cittadine e dei loro criteri di progettazione. Tesi di laurea, Università di Ankara The Graduate School of Natural and Applied Sciences, 91 p., Ankara.
  4. Al AnsariF. (2009Spazio pubblico aperto sui fronti urbani in trasformazione del Bahrain: il caso di Manama City. dottorato di ricerca Newcastle University School of Architecture, Planning and Landscape, 353 p., Newcastle.
  5. APEM e Agenzia per l’ambiente. (2010). Rigenerazione urbana del fiume a Manchester Trasformazione: The Dark River Irwell. Data di accesso: 12.10.2012, Disponibile da:http://www.merseybasin.org.uk/archive/assets/60/original/60_APEM_River_Irwell_report_EA.pdf
  6. AndiniD.2011Spazio pubblico per le persone sui nuovi waterfront urbani: un’esplorazione della letteratura sulle questioni socio-spaziali nei waterfront postindustriali. End Report Tesi di Laurea Magistrale Analisi Socio-Spaziale, Architettura del Paesaggio e Pianificazione Università di Wageningen, 67 p. Wageningen.
  7. Anonimo. (2011). Paris Plage fino al 21 agosto. Data di accesso: 19.10.2012, Disponibile da:http://blog.lecitizenhotel.com/2011/08/04/paris-plage-until-august-21st/
  8. Anonimo. (2013a). Porto interno di Baltimora. Data di accesso: 14.01.2013, Disponibile da:http://www.wrtdesign.com/projects/detail/Baltimore-Inner-Harbor/157
  9. Anonimo. (2013b). Barceloneta, Barcellona, ​​Spagna. Data di accesso: 09.01.2013, Disponibile dal:http://www.earth.google.com
  10. Anonimo. (2013c). Isola artificiale. Data di accesso: 07.01.2013, Disponibile da: https://www.ead.ae/Tacsoft/FileManager/Quarterly/Artificial%20Islands/Artificial%20Islands%20of%20the%20World%20FINAL.pdf
  11. Anonimo. (2013d). Fisarmonica in tutto il mondo. Data di accesso: 07.01.2013, Disponibile dal:http://www.accordions.com/index/squ/ru_squ_08_09_05.shtml
  12. Anonimo. (2013e). Spiaggia urbana. Data di accesso:05.01.2013, Disponibile dal:http://en.wikipedia.org/wiki/Urban_beach
  13. Anonimo. 2013f. Triplib Reisen nicht vergessen. Data di accesso: 03.01.2013, Disponibile dal:http://www.triplib.de/fotos/ansicht/17670
  14. 14.Anonimo. (2013g). Appendice 8. Data di accesso: 02.01.2013, Disponibile dal:http://www.ddda.ie/files/business/planning/20090202032305_05_3%20Human%20Beings.pdf
  15. 15.Anonimo. (2013h). Halcrow Stati Uniti d’America. Data di accesso: 05.01.2013, Disponibile dal:http://www.halcrow.com/Where-we-work/United-States-of-America/
  16. 16.Anonimo. (2013io). Ruhr Bölgesi’ni Basariyla Dönüstüren Projenin Sirlari. Data di accesso: 05.01.2013, Disponibile dal:http://www.arkitera.com/haber/index/detay/ruhr-bolgesi-ni-basariyla-donusturen-projenin-sirlari/4907
  17. 17.Anonimo. (2013io). Waterfront Green Space nella pianificazione ecologica urbana e nella progettazione dei contenuti e dei metodi. Data di accesso: 04.01.2013, Disponibile dal:http://www.docstoc.com/docs/52295113/Waterfront-Green-Space-in-Urban-Ecological-Planning-and-Design-of-th-contents-and-methods
  18. Anonimo. (2013j). Eskisehir Büyüksehir Belediyesi. Data di accesso: 10.01.2013, Disponibile dal:http://www.eskisehir-bld.gov.tr/haber_dvm.php?resim_id=346758
  19. ArslanM.1996Yesil Yol Planlamasi: Ankara Örnegi. Çevre Planlama ve Tasarimina Bütüncül Yaklasim Sempozyumu,277285p., Ankara.
  20. BenssonE.2002Fiumi come paesaggi urbani: Rinascimento del Waterfront.Scienza e tecnologia dell’acqua,45116570Edizioni IWA.
  21. Booker,CIRCA.,Priore,S. eRicco,D. (2010). Il lungofiume che Newark vuole Rapporto sui progressi:20092010 , Data di accesso: 08.01.2013, Disponibile da:http://pages.csam.montclair.edu/pri/symposium2010/Rich,Damon_Newark.pdf
  22. BreenUN.eRigbyD.1994Waterfronts: le città reclamano il loro vantaggio.McGraw-Hill, Inc., 256 pag. New York.
  23. 23.Bruns,J. (2012). Hafencity Hamburg: creare un nuovo centro città. Data di accesso: 02.02.2013, Disponibile da:http://learningcitiesplatform.files.wordpress.com/2012/07/lcp-hafencity-hamburg-june-2012s.pdf
  24. 24.BüyükersenY.EfelerliSS2005Dogal afet zararlarini azaltma yaklasimi Eskisehir-Porsuk Projesi. 4.Kentsel Altyapi Ulusal Sempozyumu, TMMOB Insaat Mühendisleri Odasi Eskisehir Subesi,161171Eskisehir.
  25. 25.Cabe. (2010). Pianificazione e rigenerazione dei fiumi urbani. Corridoi fluviali nell’ambiente urbano. Data di accesso: 10.01.2013, Disponibile dal:http://www.ursula.ac.uk/upload/Inner/News_other/Vandergert.pdf
  26. 26.Dongl.2004Sviluppo del lungomare: un caso di studio di Dalian. Maestroof Applied Environmental Studies in Local Economic Development- Tourism Policy and Planning, Università di Waterloo, 159 p., Canada.
  27. 27.DonofrioJT2007La conservazione come strumento per la rivitalizzazione del lungomare: soluzioni di progettazione, gestione e finanziamento da Vancouver, Boston e Londra.Tesi di laurea, Università della Pennsylvania, 164 p., Pennsylvania.
  28. 28.Erdoğanz.2006Il ruolo del turismo nei progetti di riqualificazione del lungomare Analisi di fattibilità del progetto Galataport. Tesi di laurea, Università tecnica di Istanbul, Istituto di scienza e tecnologia, 110 p., Istanbul.
  29. 29.ErkokF.2009Waterfronts: potenzialità per migliorare la qualità della vita urbana, ITU A|Z61126145
  30. 30.Grande municipalità di Eskisehir2006Baslanan vizyon projeler sunum CD’si. Eskisehir Büyüksehir Belediyesi, Eskisehir, Turchia.
  31. 31.GençtürkIZ2006Progettazione di giochi d’acqua nelle piazze: un caso di studio sulle piazze Sultanahmet e Beyazit. Tesi di laurea, Università tecnica di Istanbul, Istituto di scienza e tecnologia, 163 p., Istanbul.
  32. 32.GiovinazziO.GiovinazziS.2008Waterfront Planning: una finestra di opportunità per la ricostruzione post-disastro
  33. 33.Data di accesso: 11.01.2013, Disponibile dal:http://ir.canterbury.ac.nz/bitstream/10092/3987/2/12625558_iRec_Dr%20Oriana%20Giovinazzi%20%26%20Dr%20Sonia%20Giovinazzi.pdf
  34. 34.Giovinazzi,O. &Moretti,M. (2010). Città Portuali e Lungomare Urbano: Trasformazioni e Opportunità. TeMALab Journal, Data di accesso: 01.02.2013, Disponibile su: www.tema.unina.it1970-98703 SP- marzo (57-64).
  35. 35.135Goddard, C. (2002). Rigenerazione del litorale, scheda geografica. Data di accesso: 01.02.2013, disponibile su http://ebookbrowse.com/135-waterfront-regeneration-pdf-d224946024
  36. 36.HamamciogluC.2005Kentlerin Su Yolu Girislerinde Geçmisten Günümüze Yasanan Asamalar ve Kentsel Tasarim. Planlama Dergisi, TMMOB Sehir Plancilari Odasi Yayini, 3 anni,104113
  37. 37.HansH.2008Changes on the Waterfront- Transforming Harbor Areas: Comparison and Evaluation of Waterfront Developments in Two Contexts: San Francisco Bay Area and Hamburg, Germany, IURD Working Paper Series, Institute of Urban and Regional Development,3748Università di Berkeley.
  38. 38.HattapogluMZ2004Place of Water Phenomenan in Evolution of Settlements and Te-interpretation of it as an Urban Design Element, Mimar Sinan Arts of University, Institute of Science And Technology 164 p., Istanbul.
  39. 39.HellwegU.2013Case galleggianti nella baia di Rummelsburg a Berlino. Data di accesso: 02.02.2013, disponibile da: ftp://ftp.cs.kun.nl/pub/faf/Bart%20Swanevleugel/PPTs_FaF_Conf_KA_June_06/Round%20table%202/Floating%20Homes%20Hellweg.pdf
  40. 40.OhD.2009Pianificazione paesaggistica del lungomare urbanoTesi di laurea, Blekinge Institute of Technology Karlskrona, 53 p. Svezia.
  41. 41.JonesUN.2008Problemi nella rigenerazione del lungomare: pensieri più sobri: una prospettiva britannica, pratica di pianificazione e ricerca,134433Londra.
  42. 42.JonesLJ2007On the Water’s Edge: sviluppo di paradigmi di rigenerazione culturale per i waterfront urbani.A cura di Smith, MK), CABI,143150Oxfordshire, Regno Unito.
  43. 43.Kilduffs Porto di Baltimora. (2013). Data di accesso: 05.02.2013, Disponibile da:http://www.kilduffs.com/Harbor.html
  44. 44.KocaF.2011Analisi di sostenibilità sulla trasformazione dei fronti d’acqua: il caso di Haydarpasa. Tesi di laurea,
  45. 45.Università tecnica di Istanbul, Istituto di Scienza e Tecnologia, 237 p., Istanbul.
  46. 46.Fondazione per l’architettura del paesaggio. (2013). Data di accesso: 01.02.2013, Disponibile da:http://www.lafoundation.org/research/landscape-performance-series/case-studies/case-study/424/
  47. 47.Lee,I.K. (2006). Cheong Gye Cheon Restoration Project-a Revolution in Seoul, Data di accesso:01.02.2013, Disponibile da: 04.02.2013.http://worldcongress2006.iclei.org/uploads/media/K_LEEInKeun_Seoul_-_River_Project.pdf
  48. 48.Lee,I.K. (2013). Cheong Gye Cheon Restoration Project, data di accesso: 11.01.2013, disponibile da:http://www.ufrgs.br%2Farroiodiluvio%2Fa-bacia-hidrografica%2Foutros-exemplos%2Fcheongyecheon%2Fcgc%2520restauro%2520progetto%2520lee.pdf
  49. 49.LetourneurCC1993La vita in riva al mare: un’analisi del comportamento umano e la progettazione urbana degli spazi pubblici aperti in riva al mareTesi di laurea, The University of British Columbia, 350 p., Vancouver, Canada.
  50. 50.Martiri,l. (2007). Vie d’acqua nella Tokyo urbana. Data di accesso: 11.01.2013, disponibile dal: 05.01.2013.http://repository.dl.itc.u-tokyo.ac.jp/dspace/bitstream/2261/15318/1/K-014051 .PDF
  51. 51.Mimdaporg, (2008). Hafencity’e ziyaret. Data di accesso: 15.01.2013, Disponibile da:http://www.mimdap.org/?11312
  52. 52.Morena,M. (2011). Caratteristiche morfologiche, tecnologiche e funzionali delle infrastrutture come settore vitale per la competitività di un sistema Paese.883-8-76077-219-5p., Milano.
  53. 53.Moretti,M. (2010). Valorizzazione dei Waterfront e dei corsi d’acqua per lo sviluppo sostenibile. Conferenza scientifica internazionale sul rinnovamento del fiume PoltvaLviv, Ucraina, 19-20 novembre 2010. Data di accesso: 10.05.2012, Disponibile da:http://www.urbanproject.lviv.ua/php_uploads/data/articles/ArticleFiles_84_Moretti_en.pdf
  54. 54.Moretti,M. (2008a). Città sull’acqua e riqualificazione del litorale: una sfida strategica per il futuro. Grundtvig, II meeting Rivers of Change-River//Cities Varsavia, Polonia, 24-27 luglio2008. Data di accesso:10.05.2012,Disponibile da:http://www.river-cities.nazwa.pl/www/download/m.moretti_warsaw2008.pdf
  55. 55.Moretti,M. (2008b). Città sull’acqua e riqualificazione del litorale: il ruolo della cultura e degli eventi. Grundtvig, III incontro Rivers of Change-iver//Cities Vienna, Austria, 5 7 settembre 2008. Data di accesso:10.05.2012, Disponibile da:http://www.river-cities.nazwa.pl/www/download/m.moretti_vienna2008.pdf
  56. 56.ÖnenM.2007Esame del potenziale ricreativo dei fiumi come spazio costiero urbano: caso di studio, Eskisehir Porsuk Creek e Istanbul Kurbagalidere. Tesi di laurea, Università tecnica di Istanbul, Istituto di scienza e tecnologia, 204 p., Istanbul.
  57. 57.Papatheochari,D, (2011). Esame delle migliori pratiche per la rigenerazione del lungomare. Litorale 2010. Data di accesso:10.05.2012, disponibile dal: 10.10.2012.http://coastnetlittoral2010.edpsciences.org/index.php?option=com_article&access=standard&Itemid=129&url=/articles/litt/abs/2011/01/litt-02003/litt-02003.html
  58. 58.PechinoU.2008Rigenerazione dei litorali urbani: un modello del torrente Porsuk a Eskisehir. Atti del 6. Simposio internazionale Agro Environ “Natural Resources Conversation, Use & Sustainability”,410413Antalia, Turchia.
  59. 59.SairinenR.KumpulainenS.2006Valutazione degli impatti sociali nella rigenerazione del lungomare urbanoRevisione della valutazione dell’impatto ambientale120135
  60. 60.Schneider,H. (2010). HafenCity Hamburg-Sviluppo sostenibile per un nuovo centro cittadino. Data di accesso: 10.10.2012, Disponibile da:http://mestrado.otpa.dcea.fct.unl.pt/files//1273829592_HafenCity_HPS_Lissabon.pdf
  61. 61.Dipartimento di Pianificazione e Design di Seattle. (2012). Waterfront Spazi aperti e interfacce di ambienti edge. Data di accesso: 02.01.2012, Disponibile da:http://depts.washington.edu/open2100/pdf/2_OpenSpaceTypes/Open_Space_Types/waterfront.pdf
  62. Piano di mobilità urbana di Seattle. (2008). 6 Casi di studio sulla rimozione di autostrade urbane, Data di accesso: 05.09.2012, Disponibile da:http://www.seattle.gov/transportation/docs/ump/06%20SEATTLE%20Case%20studies%20in%20urban%20freeway%20removal.pdfwark
  63. Shaziman,S.,Umsan,IO SONO S.,Tahir,MM. (2010). Waterfront come caso di studio dello spazio pubblico; Fiume Klang tra Masjid Jamek e Mercato Centrale, Kuala Lumpur. Argomenti selezionati in energia, ambiente, sviluppo sostenibile e paesaggistica, WSEAS Pres,1792-5924/ ISSN: 1792-5940, ISBN: 978-960-474-237-0,344349 .
  64. StevensQ.2011La “City Beach” tedesca come nuovo approccio allo sviluppo del lungomare. (a cura di Desfor, G., Laidley, J., Stevens, Q. e Schubert, D.), di Routledge,234254New York.
  65. Yassin,A. B.,Legame,S.,McDonagh,J. (2012). Principi per lo sviluppo sostenibile del lungofiume per la Malesia. Giornale di Techno-Social412229-89402136 .
  66. 66.YassinABEvaC.eMcDonaldJ.2010Un’evoluzione dello sviluppo del lungomare in Malesiath Pacific Rim Real Estate Society Conference Wellington117
  67. 67.Zhangl.2002Una valutazione di un parco urbano sul lungofiume Riverfront Park, Spokane, Washington Esperienze e lezioni per i progettisti. Mlaureato in scienze dell’architettura del paesaggio Washington State University. Data di accesso: 02.01.2013, Disponibile da: https://research.wsulibs.wsu.edu:8443/xmlui/bitstream/handle/2376/75/L_Zhang_050602.pdf.txt;jsessionid=6EE534F1691D9BB953EB40FAC2350F22?sequence=2
  68. 68.22242233Tastsoglou A & Vagiona D, 2012. Rigenerazione del lungomare urbano: il caso di studio Salonicco-Grecia. Protezione e ripristino dell’ambiente XI, Architettura, gestione e restauro del paesaggio sostenibile, pp. 2224-2233
  69. 69.L’istituto di conservazione. (2007). Rimozione delle autostrade-ripristino delle città : Seoul, Corea del Sud Cheonggye Freeway. Data di accesso: 02.01.2013, Disponibile da:http://www.preservenet.com/freeways/FreewaysCheonggye.html
  70. 70.Progetto Comunità Lungomare. (2007). The Cool Sea-waterfront Community Project Toolkit, Data di accesso: 02.01.2013, Disponibile da:http://www.waterfrontcommunitiesproject.org/downloads/The_cool_Sea_part3.pdf
  71. 71.Wang,C. (2008). Waterfront Regeneration, MSc in City and Regional Planning Cardiff University. Data di accesso: 02.01.2013, Disponibile dal:http://www.scribd.com/doc/7222338/Waterfront-Regeneration
  72. 72.WrennDMCasazzaJAInteligenteJE1983Sviluppo urbano del lungomareUrban Land Institute, 218 p., Washington.
  73. 73.Vasconcelos Silva,2006. Greenways, un percorso verso la sostenibilità urbana. Tesi di master. Faculdade de Ciências e Tecnologia da Universidade Nova de Lisboa, Portogallo. Data di accesso: 02.01.2011, Disponibile da:http://www.ece.auckland.ac.nz/~sinnen/VasconcelosSilva2006.pdf

COVER:

Title

  • [Buffalo waterfront development for New York State Urban Development Corporation, Buffalo, New York. Rendering]

Names

  • Rudolph, Paul, 1918-1997, architect
  • New York State Urban Development Corporation, client

Created / Published

  • [1969]

 

_______________________________________________________________________________________________________ Pubblicazione gratuita di libera circolazione. Gli autori non sono soggetti a compensi per le loro opere. Se per errore qualche testo o immagine fosse pubblicato in via inappropriata chiediamo agli autori delle opere di segnalarci il fatto è provvederemo alla sua cancellazione dal sito. Contatti: domuseuropa@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here